menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
vigili-del-fuoco

vigili-del-fuoco

Ferentino, a fuoco rifiuti vicino fabbrica che produceva amianto. Momenti di paura tra la zona industriale e l’autostrada

A fuoco un importante sito industriale a Ferentino. Dalle prime ore della mattina l'ex Cemamit è in fiamme. Circa 4.000 metri quadrati di capannoni coperti di amianto che stanno andando in cenere. Sul posto diverse squadre dei vigili del fuoco

A fuoco un importante sito industriale a Ferentino. Dalle prime ore della mattina l'ex Cemamit è in fiamme. Circa 4.000 metri quadrati di capannoni coperti di amianto che stanno andando in cenere. Sul posto diverse squadre dei vigili del fuoco

da Frosinone e da tutta la provincia che stanno cercando di contenere le fiamme e soprattutto gli eventuali danni che l'incendio potrebbe causare alla salute dei cittadini. L'ex Cemamit, infatti, e' un'azienda tristemente nota nel basso Lazio. Ha prodotto amianto fino a una decina di anni fa e oramai in disuso non e' stata mai bonificata. La guardia di finanza di Frosinone nel 2009 ha denunciato e successivamente il tribunale li ha condannati, sette ex dirigenti della fabbrica. L'accusa per tutti e' stata quella di omicidio colposo plurimo. Ventisette sono stati gli operai deceduti per asbestosi, la malattia polmonare provocata dal continuo contatto con le molecole di amianto. Gli scarti liquidi del pericoloso metallo sono stati invece, secondo le indagini della finanza, smaltiti sottoterra attraverso canali abusivi che poi scaricavano nel fiume Sacco. Il Comune di Ferentino, proprio per fronteggiare questa catastrofe ambientale, ha istituito anche lo sportello di tutela per le vittime dell'amianto. La protezione civile, intervenuta sul posto, riferisce che in riferimento all'incendio che questa mattina si è sviluppato in territorio di Ferentino, si segnala quanto segue: L'incendio ha riguardato rifiuti siti nelle vicinanze dell'ex stabilimento Cemamit, che non è stato assolutamente coinvolto nell'incendio. NON VI SONO PERICOLI PER LA PUBBLICA INCOLUMITA'! La Prefettura ha emesso Ordinanza di interdizione di un'area di 100 metri dall'incendio, per consentire ai tecnici dell'Arpa di svologere i propri adempimenti.

FROSINONE, IL PREFETTO RACCOMANDA DI CHIUDERE LE FINESTRE NELLA ZONA DOVE SI È SVILUPPATO L'INCENDIO PRESSO LO STABILIMENTO CEMAMIT

Alle ore 08.00 di questa mattina, nel Comune di Ferentino (FR), in Via Consortile, presso lo stabilimento dismesso CEMAMIT, già operante nel settore stoccaggio e raccolta differenziata rifiuti speciali e attualmente in fase di bonifica, si è sviluppato un incendio. A causa della densa nube che si è diramata anche verso la vicina autostrada A1, a scopo precauzionale, è stato temporaneamente interdetto il traffico all' altezza del Casello di Ferentino e sulla limitrofa Super Strada Ferentino-Sora.

Il Prefetto Emilia Zarrilli, dopo aver sentito gli organi sanitari, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, raccomanda, come misura cautelativa, la popolazione residente nel Comune di Ferentino della zona contigua o primaria rimanga temporaneamente al chiuso con porte e finestre chiuse per limitare il ricambio d'aria, fino a cessate esigenze.

Sul luogo sono tempestivamente intervenute le forze di Polizia, i Vigili del Fuoco di Frosinone e Fiuggi e personale ASL di Frosinone, per attivare le necessarie opere di spegnimento e messa in sicurezza dell' area. E' intervenuto, inoltre, il personale ARPA Lazio, con lo scopo di monitorare i fumi sprigionatisi dalla combustione. Le risultanze del monitoraggio verranno fornite quanto prima.

Si fa riserva di fornire ulteriori notizie non appena in grado.

LA NOTA STAMPA DEL COMUNE

In data odierna, sono giunte diverse segnalazioni circa una colonna di fumo proveniente dalla zona industriale di Ferentino. Al riguardo gli uffici preposti hanno constatato che l'origine della colonna di fumo era ubicata nel sito industriale dismesso ex Cemamit nella zona industriale di Ferentino.

Il personale comunale, tecnico e della Polizia Locale, dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri, dell'ARPA Lazio, recatisi sul luogo, rinveniva un cumulo di rifiuti in corso di combustione, abbandonato da ignoti, non meglio qualificabili a vista e procedevano, ognuno per la propria competenza, ai rilievi del caso e allo spegnimento dell'incendio rinvenuto e alla regolazione del traffico nel frattempo creatosi per l'intensa nebbia riscontrata in zona. La circolazione veniva peraltro temporaneamente interdetta nell'area di spostamento del fumo per ragioni di sicurezza della viabilità.

Il sindaco, Antonio Pompeo, presente immediatamente, riscontrata la situazione con gli Organi di P.G. presenti sul posto, in attesa dei dovuti accertamenti, in ordine alla qualificazione specifica della tipologia dei rifiuti e dei rilievi atmosferici da parte di ARPA Lazio, a scopo esclusivamente precauzionale e cautelativo, nell'interesse della popolazione, avvisava in via meramente cautelativa, a tenere chiuse le finestre degli edifici, evitare di transitare e/o sostare nel raggio di 500 metri dal sito interessato. Tuttora sono in corso rilievi e campionature da parte dell'ARPA.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento