Nord CiociariaToday

Filettino, adesione al progetto carta d’identità donazione organi

De Meis: “Una scelta non solo amministrativa, ma umana”

sindaco di Filettino Paolo De Meis

De Meis: “Una scelta non solo amministrativa, ma umana”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con l’approvazione di specifica delibera Il Comune di Filettino ha aderito al progetto nazionale “Carta d’identità – donazione organi” , predisposto dal Ministero della Salute e dal Ministero dell’Interno. Il Sindaco Paolo De Meis, ha dato mandato al dirigente del servizio anagrafe di mettere in atto tutti gli strumenti adeguati al fine di dare concreta attuazione al progetto attraverso la formazione del personale di anagrafe che dovrà essere svolta dal Centro Regionale Trapianti, l’attivazione di una campagna informativa secondo le linee di indirizzo delineate dal CNT (Centro Nazionale Trapianti) ed eventuali modifiche da apportare al software. In pratica, all’atto del rinnovo o delprimo rilascio del documento d’identità, il cittadino compilando un semplice modulo, può esprime la propria volontà o anche il diniego a donare gli organi, sarà poi lo stesso responsabile dell’ufficio a registrarla ed inviarla al SIT (Sitema Informativo Trapianti) la banca dati, attiva 24 ore su 24, del Centro Nazionale Trapianti. “Con l’attuazione di questo progetto -sottolinea il Sindaco Paolo De Meis- al momento del rilascio o rinnovo della carta d’identità oltre ai dati anagrafici, possono essere inserite le dichiarazioni di volontà alla donazione di organi e tessuti, rappresentando un’opportunità per aumentare il numero delle dichiarazioni e in modo graduale incentivare il bacino dei soggetti potenzialmente donatori. La donazione degli organiè un atto di straordinaria generosità e grande valore civile, un atto di solidarietà nei confronti di chi ha bisogno, di chi nel trapianto trova l’unica soluzione possibile alla guarigione da una grave patologia. Sono fortemente convinto che questa sia un’importante scelta non solo amministrativa, ma anche umana attivando un servizio che rappresenta una speranza, un’ opportunità per tanti che vivono situazioni di sofferenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento