menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fiuggi, aneddoti, racconti e poesie in una serata tutta speciale per un giornale che fa l'ambasciatore della città

Una bella serata di cultura locale raccontata attraverso il giornale Fiuggi, il cui direttore Pietro Martini vi si dedica anima e corpo, è andata in "scena" nella puntata di Libri al Borgo nei giardini dell’Excelsior al FiuggiPlateaEuropa.

Una bella serata di cultura locale raccontata attraverso il giornale Fiuggi, il cui direttore Pietro Martini vi si dedica anima e corpo, è andata in "scena" nella puntata di Libri al Borgo nei giardini dell'Excelsior al FiuggiPlateaEuropa.

Quasi una pagina al giorno quella che Pietro deve impaginare sul menabò tanto il lavoro che svolge insieme a sua moglie Rosalba Barberi. Lui ne è consapevole, ma quando le cose si fanno con passione e amore per la propria città, queste riescono sempre bene e così Pietro ha raccontato la storia di questi primi 103 anni del "Suo" giornale che è la voce ufficiale della cittadina idroponica laziale in Italia e all' estero. Un giornale che ha raccontato la politica, i fatti, la vita della città e che ne racconta in continuazione la storia. Una miriade di collaboratori che inviano pezzi di ogni genere, che lui deve cercare di mettere in pagina in modo semplice, perché ha imparato ad impaginare con il nonno. Un Lavoro che non aveva mai fatto e che invece gli riesce molto bene, anche se fatica moltissimo e lo ha confessato pubblicamente. Quando, però, si fanno le cose con il cuore riescono sempre tutte e bene. Pietro ha raccontato che non ha mai chiesto la pubblicità a nessuno e che nessuno lo ha tradito. Pietro ha raccontato, inoltre, le varie iniziative che ha svolto in favore della Sua città. Non a caso per festeggiare i cento anni di questa prestigiosissima testata locale ha fatto venire a Fiuggi la Banda dell'Arma dei Carabinieri ad esaltare una testata che non solo è orgoglio della cittadina ma possiamo dire di tutto il comprensorio nord della Ciociaria, perché spesso esalta anche gli altri paesi. L'imput iniziale è stato da un influenzato Pino Pelloni che poi ha lasciato la parola all'altro bravo cronista del posto Gino Ferriello, altro importante personaggio della città, che sa cantare, recitare e soprattutto scrivere che ha letto anche una sua bellissima poesia. Ma il vero mattatore della serata è stato il poeta Siro D'amico che con la sua pacata ironia e con il suo modo di fare e di esprimersi prendendo in giro diversi personaggi presenti alla bella serata di cultura locale ha letteralmente tenuto banco tra una paesia e una chiacchiera ironica. Per l'altro grande artista locale Erio Alessandri, poeta locale, poeta dei racconti dei vicini di casa, cronisti in rima, assente per ovvi motivi di salute, ex capotreno della Stefer sul trenino della Roma-Fiuggi, ci hanno pensato i bravissimi Maria Rita Incocciati e l'avv. Fulvio Giorgilli che hanno saputo dare quel tocco di "fiugginità" con eleganza e partecipazione al massimo immergendosi pienamente nelle poesie che andavano di volta in volta a leggere per intramezzare i racconti di Pietro Martini del Fiuggi. Giancarlo Flavi
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
FrosinoneToday è in caricamento