Nord CiociariaToday

Fiuggi: mercoledì 13 agosto nel Ghetto Ebraico di Anticoli Tributo a Lorin Maazel

Tornano ad accendersi di luci e a riempirsi di musiche i vicoli, le piazzette e gli storici palazzi del centro storico di Fiuggi con il ricordo che FiuggiPlateaEuropa dedica al grande direttore d’orchestra, recentemente scomparso, Lorin Maazel...

Lorin Maazel 9

Tornano ad accendersi di luci e a riempirsi di musiche i vicoli, le piazzette e gli storici palazzi del centro storico di Fiuggi con il ricordo che FiuggiPlateaEuropa dedica al grande direttore d’orchestra, recentemente scomparso, Lorin Maazel. Tutto questo accadrà mercoledì 13 agosto dalle ore 22 alle 24 nell’antico Ghetto ebraico di Anticoli.

Nato in Francia da una famiglia statunitense di religione ebraica e origini russe, è stato un classico bambino prodigio. A cinque anni ha iniziato a studiare violino e a sette direzione d’orchestra. La svolta della sua vita è nel 1941 quando a soli 11 anni , è stato invitato dal `titano´ dell’epoca, Arturo Toscanini la NBC Symphony Orchestra (sono rimaste famose le parole «God bless you» pronunciate dal Maestro italiano dopo averlo ascoltato) e nel 1942, dodicenne, la New York Philharmonic. Entro i quindici anni, aveva già diretto la maggior parte delle più importanti orchestre americane. Come alcuni geni della musica aveva una formazione culturale non limitata al suo settore di specializzazione. All’università di Pittsburgh ha studiato lingue, matematica e filosofia mentre era anche attivo come violinista nella Pittsburgh Symphony Orchestra e svolgeva l’apprendistato di direttore (1949-1950) e organizzava l’attività del quartetto Fine Arts Quartet. Ha ricevuto dieci Grand Prix du Disque Awards e tra le numerose onorificenze si ricordano la Legion d’Onore francese e il titolo di Ambasciatore di Buona Volontà dell’ONU. Personaggio tra i più conosciuti e apprezzati del panorama musicale, parlava perfettamente francese, tedesco, italiano (grazie alla sua lunga consuetudine con le sale da concerto italiane). È stato attivo anche come compositore e violinista solista (per esempio, nei concerti per violino di Mozart). Nel 1960 è stato il più giovane (e primo tra gli americani) a dirigere nel tempio wagneriano di Bayreuth con Lohengrin (opera) con Astrid Varnay. Occasionalmente Maazel si è prodotto anche come compositore: la sua prima opera, l’opera teatrale 1984, era basata sull’omonimo romanzo di George Orwell, su libretto realizzato da Mc Clatchy e Meedan. La prima rappresentazione è avvenuta a Londra nel 2005 presso il teatro della Royal Opera House, nel quartiere di Covent Garden.Maazel ha al suo attivo più di 300 incisioni discografiche, inclusi i cicli completi di Beethoven, Brahms, Mahler, Sibelius, Rachmaninov, Čajkovskij. Ha condotto il tradizionale concerto di Capodanno dal 1980 al 1986, per poi tornare nuovamente nel 1994 e in seguito nel 1996, 1999 e 2005.

Il Maestro è stato anche all’interno della Fonte Bonifacio VIII con la NBC Symphony Orchestra, con se 200 elementi, che ha diretto in occasione del penultimo Premio Fiuggi, alla presenza del Presidente del Consiglio On. Giulio Andreotti e di due presidenti della Repubblica l’emerito Leone e il regnante Cossiga, i quali entrambe si alzarono in piedi, dopo l’esecuzione dei Pini di Roma, strappando lunghissimi applausi.

Fu quello un pomeriggio davvero memorabile per la città di Fiuggi e bene fa l’amico Pelloni a ricordare questo maestro che esclamò “ E’ veramente bella questa città Fiussi”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

G.F.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento