Nord Ciociaria

Frosinone, Abbruzzese (fi): in ciociaria situazione ambientale ricca di criticità. Assemblea dei sindaci ha ruolo fondamentale per obiezioni e proposte

“Abbiamo detto no e continueremo a farlo ai rifiuti di Roma, non per mero campanilismo, ma perché, purtroppo, la situazione ambientale della provincia di Frosinone è ricca di criticità e la salute delle persone residenti rischia di essere...

"Abbiamo detto no e continueremo a farlo ai rifiuti di Roma, non per mero campanilismo, ma perché, purtroppo, la situazione ambientale della provincia di Frosinone è ricca di criticità e la salute delle persone residenti rischia di essere seriamente compromessa. Da nord fino al centro sud esiste l'emergenza Valle del Sacco, a sud c'è il termovalorizzatore di San Vittore, che con il possibile arrivo dei rifiuti dalla Capitale potrebbe bruciare di più delle 800 tonnellate di cdr quotidiane. Una situazione a dir poco drammatica che deve per forza di cose essere gestita attraverso un attento confronto all'interno dell'Assemblea dei Sindaci". Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, consigliere regionale di Forza Italia del Lazio e Presidente della Commissione Speciale Riforme Istituzionali.

"Pertanto, ogni singolo primo cittadino non deve rimanere solo a combattere per la sua causa, ma devono essere avanzate obiezioni e proposte condivise da tutti in grado di rendere più organizzata la gestione dei rifiuti, con un occhio di riguardo, soprattutto, alla salute dei cittadini. L'Assemblea dei sindaci, come ho specificato più volte deve avere un ruolo fondamentale sotto questo aspetto.

Per quanto concerne l'inquinamento del solo dei 919 siti contaminati nel Lazio ben 128 sono in provincia di Frosinone. Dopo Roma quello della Ciociaria è il numero più elevato, nel 2015, tra tutte le province della regione. Lo affermano i dati dell'Arpa Lazio, l'Agenzia Regionale per l'ambiente che ogni anno elenca le attività sviluppate a proposito del monitoraggio dei siti contaminati. Questi sono informazioni che devono essere considerati alla luce anche della prossima stesura, da parte della Provincia di Frosinone, del documento ricognitivo, sulle aree idonee e non idonee per la localizzazione degli impianti di smaltimento dei rifiuti, nonché le zone adatte alla localizzazione degli impianti di recupero. Sul quale l'assemblea dei Sindaci deve dire la propria, visto che il provvedimento de quo è stato richiesto dalla Regione Lazio per procedere all'aggiornamento del Piano regionale dei Rifiuti.

E' giunto il momento per pensare finalmente ad una seria programmazione del ciclo dei rifiuti, mettendo al centro del problema, prima di tutto la tutela delle persone. Non lo dico io ma la direttiva europea sui rifiuti alla quale l'Italia si è uniformata, che dice "La gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse: essi devono essere recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute dell'uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all'ambiente". Ha concluso Abbruzzese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frosinone, Abbruzzese (fi): in ciociaria situazione ambientale ricca di criticità. Assemblea dei sindaci ha ruolo fondamentale per obiezioni e proposte

FrosinoneToday è in caricamento