Nord CiociariaToday

Frosinone, arrestato energumeno rom latitante per sequestro di persona minore

In data odierna, il Reparto Operativo  -  Nucleo Investigativo ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa in data 26 ottobre 2015 dal G.I.P. presso il Tribunale di Frosinone, dott. Antonello Bracaglia Morante,  su...

OLYMPUS DIGITAL CAMERA-37

In data odierna, il Reparto Operativo - Nucleo Investigativo ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa in data 26 ottobre 2015 dal G.I.P. presso il Tribunale di Frosinone, dott. Antonello Bracaglia Morante, su richiesta della locale Procura, P.M. dott.ssa Barbara Trotta, nei confronti di J.D., di etnia Rom cl. 96, stabilmente dimorante a Latina, censurato per reati contro la persona ed il patrimonio. Lo stesso, arrestato dopo un periodo di latitanza di oltre un anno, è ritenuto responsabile di concorso in sequestro di persona.

Il provvedimento restrittivo era stato emesso a seguito di un’articolata attività d’indagine avviata dal Nucleo Investigativo di Frosinone nel mese di settembre 2015 in relazione al sequestro di persona di una minore, di etnia Rom, all’epoca ospitata presso la casa famiglia “L’elefante invisibile” di Frosinone, a seguito di provvedimento dell’Autorità a favore di minore in stato di abbandono. Le immediate indagini, sostanzialmente, avevano permesso di identificare nell’odierno arrestato l’autore del deprecabile delitto, che, in concorso con altro soggetto minore di etnia rom, si era arbitrariamente introdotto all’interno della Casa Famiglia sopra indicata e, usando violenza nei confronti di una educatrice che spintonava facendola cadere a terra, con la forza afferrava la minore trascinandola a bordo della propria autovettura per condurla, contro la sua volontà, presso l’abitazione dei genitori in Cisterna di Latina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La minore, a seguito dell’incessante attività di ricerca, veniva rintracciata e affidata ad altra struttura di accoglienza il successivo 24 settembre 2015. Gli autori del delitto, benché sin da subito identificati, si sottraevano all’arresto, tanto che nei loro confronti veniva dichiarato lo stato di latitanza. Le successive e ininterrotte attività di ricerca, estese su tutto il territorio nazionale, hanno permesso di rintracciare,in data 27 maggio 2016, l’altro complice, in Provincia di Brindisi, G. A. cl.98,di etnia Rom, stabilmente dimorante a Latina, censurato per reati contro la persona ed il patrimonio,nei cui confronti era pendente analogo provvedimento restrittivo emesso, per i medesimi fatti, dalla Procura della Repubblica dei Minorenni presso il Tribunale per i minorenni di Roma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento