Nord CiociariaToday

Frosinone, avanti con la riqualificazione delle periferie

Dopo l’ammissione definitiva, da parte del Governo, del programma di riqualificazione urbano proposto dall'amministrazione Ottaviani, con investimenti sulle zone periferiche del capoluogo per un ammontare complessivo di circa 18 milioni di euro, i...

Frosinone, avanti con la riqualificazione delle periferie

Dopo l’ammissione definitiva, da parte del Governo, del programma di riqualificazione urbano proposto dall'amministrazione Ottaviani, con investimenti sulle zone periferiche del capoluogo per un ammontare complessivo di circa 18 milioni di euro, i progetti relativi alla riqualificazione urbanistica della zona Scalo e dell’intera fascia di periferia urbana procedono senza interruzioni. L’amministrazione Ottaviani aveva gettato le basi degli interventi di valorizzazione e rinnovo del tessuto extraurbano già negli anni passati, attraverso l’eliminazione del vecchio deposito Cotral e l’inaugurazione del primo step della nuova piazza (prospiciente la chiesa della Sacra Famiglia), dotata di un’ampia area giochi attrezzata e di un nuovo contesto di verde pubblico. L’obiettivo dell’amministrazione Ottaviani, mediante una complessa operazione che vede coinvolte risorse pubbliche e private, è di completare il progetto relativo alla riqualificazione e alla valorizzazione dell’intera area, mediante un restyling completo della stazione ferroviaria e l’ultimazione della grande piazza, sulla quale insisteranno alcune volumetrie commerciali e relativi portici, sul modello delle aree attrezzate che accolgono, esternamente, i viaggiatori nelle grandi città italiane. Il Comune investirà i 18 milioni di euro previsti dalla legge sulla riqualificazione delle periferie, con l'apporto economico dei privati, nella modernizzazione di architetture e servizi di tutta la fascia periferica, in particolar modo quella posta a confine con i comuni di Torrice, Ceccano, Alatri, Veroli e Patrica. Senza considerare che sui lavori riguardanti la nuova piazza dello Scalo potrebbe confluire anche una parte dei nuovi oneri che saranno versati nelle casse comunali, da parte di altri operatori privati, interessati a proporre l'intervento di recupero urbanistico ed edilizio dell'ex complesso Permaflex, mettendo, così, a sistema le due distinte operazioni. Gli interventi riguardanti la ricucitura delle zone di confine tra la città di Frosinone e i comuni del circondario, ridisegneranno anche le zone ad espansione urbanistica, al fine di elevare la qualità degli standard delle infrastrutture viarie e tecnologiche di proprietà pubblica.

OTTAVIANI CONTRO LE VIOLENZE DELLA CAMPAGNA ELETTORALE.

Il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, ha espresso solidarietà al candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, per la scritta ingiuriosa comparsa all’esterno del locale Lebò, evidenziando, inoltre, come ogni forma di violenza, verbale o morale, oltre che di sopraffazione, durante la campagna elettorale sia ascrivibile ad episodi che, seppur isolati, esaltano soltanto la stupidità degli autori. Ottaviani ha, inoltre, duramente condannato gli atti di inciviltà di coloro che, in spregio al decoro urbano e alle regole, hanno l’abitudine di affiggere abusivamente manifesti elettorali, in spazi non destinati a tale scopo, come accaduto per alcuni cartelloni di CasaPound. “La nostra Costituzione repubblicana - che, grazie al cielo, ha sventato il pericolo di essere cancellata, almeno in parte, da quanti ignoravano l’importanza della sintesi effettuata nel 1948, tra le opposte visioni della politica e della società - contempla, al proprio interno la libertà di espressione del pensiero di ognuno di noi, in particolar modo all’articolo 21 – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – Le oltre 300 telecamere installate in città con il sistema della videosorveglianza saranno utili non soltanto ad individuare i responsabili di manifestazioni brillanti solo nella stupidità comune, imbrattando i muri, magari in contrapposizione alla riqualificazione dei murales di via Ciamarra che abbiamo attivato dopo 22 anni con gli studenti e i docenti del liceo artistico, ma anche per sanzionare l’altro genere di sopruso che, ancora oggi, si ripete in danno delle pensiline e degli altri impianti pubblici, ove le braccia sottratte alle tinteggiature normali continuano a dare il peggio, di loro stesse.

Qualora certi teppistelli volessero dare sfogo all’assenza del proprio genio artistico, li potremmo, sempre, impiegare per dare una pulitina al cantiere e al marciapiede proprio dove è in corso il restauro dei murales comunali”.

FROSINONE, INTERVENTI DI DISINFESTAZIONE NELLE SCUOLE.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Martedì 18 aprile, l'amministrazione Ottaviani effettuerà gli interventi di disinfestazione, nell'area esterna di scuole ed edifici pubblici, tenuto conto dell'approssimarsi del periodo in cui si registrerà l'aumento delle temperature. Questi gli istituti che saranno interessati dalle operazioni: scuola secondaria I grado "Aldo Moro", scuola primaria De Matthaeis, scuola dell’infanzia e primaria Madonna della Neve, scuola secondaria I grado Pietrobono, scuola primaria La Rinascita, scuola dell'infanzia e primaria via Verdi, scuola dell'infanzia Spinelli, scuola dell'infanzia e primaria Giovanni XXIII, scuola dell'infanzia via Ferrarelli, ex scuola elementare Tiravanti, scuola dell'infanzia e primaria De Luca, scuola dell'infanzia Fedele Calvosa, scuola secondaria I grado Ricciotti, scuola dell'infanzia e primaria Alighieri, scuola primaria Maiuri, scuola dell'infanzia via Arno, scuola primaria Cavoni, scuola dell'infanzia via Polledrara, scuola secondaria I grado Umberto I, scuola dell'infanzia Gianni Rodari (ex Biancaneve), ex Licinio Refice, scuola colle Cannuccio, scuola dell'infanzia Lombardo Radice (ex scuola Pinocchio). Gli interventi saranno effettuati, inoltre, presso il tribunale, il centro sociale di via Cavoni (casetta di legno), il centro sociale di via Adige, il centro sociale integrato per disabili (via Fabi), il centro sociale Gruppo Appartamento, la sede comunale in via Fabi, in via Adige e piazza VI Dicembre e le delegazioni in via Madonna della Neve e in via Mascagni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento