Nord Ciociaria

Frosinone, con il Premio donne impresa: storie racconti sorrisi e testimonianze

Storie, racconti, sorrisi, testimonianze. E poi anche canzoni che hanno suscitato qualche sguardo commosso, e applausi, tanti. Il Premio Donna Impresa 2016 si è rivelato un evento nobile negli intenti e convincente nella sua formula, voluta dal...

Storie, racconti, sorrisi, testimonianze. E poi anche canzoni che hanno suscitato qualche sguardo commosso, e applausi, tanti. Il Premio Donna Impresa 2016 si è rivelato un evento nobile negli intenti e convincente nella sua formula, voluta dal Comitato per l'imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Frosinone.

Premio Donna Platea 1

"Pensavamo a una manifestazione che fosse, sì, un momento di riflessione per le donne ma anche l'occasione per festeggiare, e l'abbiamo ottenuta". Questo il commento di Luisa Magnante, Presidente del Comitato, a seguito delle premiazioni, avvenute alla presenza del Presidente dell'Aspiin Genesio Rocca. Al tavolo dei relatori c'erano il Rettore dell'Università degli Studi di Cassino, Giovanni Betta, il giornalista Vittorio Macioce, la cantante Rita Forte che ha emozionato la sala convegni della storica sede della Camera di Commercio esibendosi in alcuni pezzi del suo repertorio. A fare gli onori di casa è stata Mary Segneri, che ha condotto la discussione con il consueto entusiasmo. I relatori, oltre a complimentarsi con le imprenditrici che hanno partecipato al Premio, hanno poi parlato del loro personale rapporto con le donne, non senza lasciarsi andare ad aneddoti e ricordi. Interessanti i contributi di Giada Curti e Giuliana Guiso, rispettivamente stilista e creatrice di borse, affermate a livello internazionale, che hanno raccontato la loro ascesa nel mondo dell'impresa. Giuliana Guiso, in particolare, è stata coinvolta anche nella consegna dei riconoscimenti alle sei aziende finaliste: le sue borse "Anita Bilardi", insieme a una targa di merito, sono state i premi della manifestazione.

Al Premio Donna Impresa hanno partecipato 24 aziende del frusinate: sei in tutto le premiate, in base ai settori di appartenenza, delle quali una destinataria di una menzione speciale. La valutazione ha seguito i principi dell'etica e dell'originalità, proprio in funzione del ruolo che il Comitato per l'Imprenditoria e la Camera di Commercio hanno voluto dare al Premio: non una vittoria per meriti e profitti ma un incoraggiamento e un incentivo a tutte le donne che vogliono fare impresa.

La menzione speciale è andata all'Azienda Agrituristica L'Arco di Paola Lenzini, settore agricoltura. L'impresa assume prioritariamente disoccupati, inoccupati, persone svantaggiate, rappresentando una seconda chance per chi sia rimasto fuori dal mondo del lavoro. Per il settore Artigianato è stato premiato il Centro Benessere Le Muse di Daniela Valletta, Eticae Stewardship in Action per il settore Servizi, Seneca Rouxair Srl per il Commercio, la Società Agricola I Ciacca per l'Agricoltura, la T.L. Italia Srl per il settore Industria.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frosinone, con il Premio donne impresa: storie racconti sorrisi e testimonianze

FrosinoneToday è in caricamento