Nord CiociariaToday

Frosinone, il candidato a Sindaco Fabrizio Cristofari scrive ai Presidenti dei centri Anziani della città

Egregi Presidenti, com’è noto l’11 di giugno i cittadini del Capoluogo saranno chiamati alle urne per eleggere il nuovo Consiglio comunale della città e il nuovo Sindaco. I cittadini anziani, ogni giorno, si trovano a fare i conti con...

fabrizio-cristofari-3

Egregi Presidenti,

com’è noto l’11 di giugno i cittadini del Capoluogo saranno chiamati alle urne per eleggere il nuovo Consiglio comunale della città e il nuovo Sindaco.

I cittadini anziani, ogni giorno, si trovano a fare i conti con numerose e dure difficoltà per poter vivere dignitosamente e per poter difendere la loro salute.

Sarebbe, perciò, giusto ed opportuno fare incontrare gli anziani della città e dei centri cittadini, con tutti i candidati a Sindaco per discutere delle tematiche che li interessano.

Siamo certi, altresì, che i signori Presidenti sapranno evitare tentativi di strumentalizzazioni da parte di chicchessia.

Ribadiamo la nostra disponibilità a partecipare, insieme agli altri candidati a Sindaco, alle iniziative che i signori Presidenti riterranno di organizzare e porgiamo i nostri distinti saluti e auguri.

FROSINONE, PALLADINO (PD): ASFALTO ELETTORALE, PROGETTI TARDIVI E DELIBERE FUORI TEMPO MASSIMO

Il Nostro Sindaco, memore delle gesta dei Padri Nobili dell’Asfalto Elettorale (Mastronardi, Marsinano& Co.), si sta dedicando, con dovizia di esclusione puntualmente suggerita da criterio clientelare, all’asfaltatura di alcune strade comunali. La puerile giustificazione è la sicurezza dei Cittadini, dimentico della propria professione e delle numerose denunce ricevute nel quinquennio per danni provocati alle persone ed alle cose dal grave dissesto stradale.

Il Nostro si sta dedicando inoltre a convegni e progetti tardivi ed indefiniti su svariate tematiche (Centro Storico, sicurezza, sanità, decoro urbano, ambiente) che ha ignorato per un lustro, mentre governava la Città.

Ultima nuova, sembra che la Giunta Comunale stia approvando una serie di deliberazioni per mettere toppe su questioni mai risolte (Piazza Risorgimento e altre) con evidente spregio all’intelligenza dei Cittadini.

Dopo la trovata elettorale della disdetta del Contratto con Acea, che, così come proposta, rischia di esporre i Cittadini ad ulteriori oneri giudiziari, ci aspettiamo dal Nostro qualche trovata tributaria di Berlusconiana memoria. Andrea Palladino – Vice Segretario Circolo PD Frosinone.

URGE IL MASSIMO IMPEGNO DALLA REGIONE E DALLA POLITICA LOCALE”

"Quale lavoro a Frosinone? E' la domanda che i lavoratori della Vertenza Frusinate, a pochi mesi dalla fine dell’ammortizzatore sociale, mi hanno rivolto ieri appena arrivato in Provincia per solidarizzare con loro e capire a che punto sia la vertenza stessa. Venerdì scorso i lavoratori si sono recati a Roma, presso la Regione Lazio, e sono stati ricevuti dall’Assessore al Lavoro, Pari Opportunità e Personale, Lucia Valente. Incontro dal quale attendevano uno spiraglio e che al contrario li ha fatti sprofondare nel dramma più totale: nessuna prospettiva di alcun genere. Come condannati alla morte civile. Tutto ciò è inammissibile. Ho ascoltato con la massima attenzione le parole dei presenti. Padri di famiglia, ognuno con le proprie storie. Per questo intendo lanciare un appello immediato alle Istituzioni: alla Regione Lazio, alla sensibilità ed attenzione del Governatore Zingaretti, ai politici e parlamentari locali affinché tutti prendano immediatamente in considerazione l’annosa e drammatica vicenda di Vertenza Frusinate. E affinché non si trascuri alcun atto volto a dare una rapida e definitiva soluzione strutturale al caso. Più volte i lavoratori della Vertenza Frusinate hanno reiterato la richiesta di incentivare gli strumenti per rispondere alla pur riconosciuta “area complessa”, mai hanno ottenuto risposte. Come sono caduti nel vuoto sia l’appello al rifinanziamento immediato della legge 4/2009 sul reddito di cittadinanza, sia l’attivazione di vere politiche attive del lavoro a fronte del ridicolo “contratto di collocazione” o alla fallimentare “garanzia giovani”. L’economia di Frosinone e provincia risente della gravissima crisi del settore manifatturiero, allo stesso tempo si evidenziano dinamiche negative ancor più accentuate nel caso delle le imprese artigiane, per non parlare del settore agricolo. Il livello di disoccupazione a Frosinone e provincia raggiunge il 18,5%, con un +106,2% dal 2009, con tassi di crescita doppi rispetto alla media regionale (+49,0%) e molto più elevati della media nazionale (+60,0%), toccando le 28.352 unità. La Vertenza Frusinate e tante altre battaglie di altri lavoratori vigilano e gridano il pericolo di una deriva quasi incontrastabile. Ma la voce, dopo l’assenza di risposte nell’incontro di venerdì con l’assessore Valente, si è fatta fioca. Per questa ragione mi ritengo costantemente al fianco dei lavoratori impegnati in una battaglia di dignità e sopravvivenza per loro e per le famiglie che rappresentano. Battaglia per la quale sento di dover chiamare la politica locale e regionale attorno a un tavolo da convocare al più presto”.

IMG_0812

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento