Nord CiociariaToday

Frosinone, il fiume Cosa: problema o risorsa? La Fondazione Boccadamo sostiene il progetto di studio e analisi

Avere a cuore la salute dell’ambiente è avere cura di quella “casa comune” di cui siamo parte e che condividiamo assieme ad altri essere viventi. Tutelare questa “casa viva” è renderci responsabili della sua bellezza perennemente minacciata...

fiume-cosa

Avere a cuore la salute dell’ambiente è avere cura di quella “casa comune” di cui siamo parte e che condividiamo assieme ad altri essere viventi. Tutelare questa “casa viva” è renderci responsabili della sua bellezza perennemente minacciata: custodirla significa dunque avere a cuore il benessere di tutti.

E’ questo l’intento alla base del progetto di studio delle acque del fiume Cosa, promosso dalla Rete di scuole di Frosinone coordinate dal Dirigente professoressa Patrizia Carfagna e dal professor Matteo Affinito; una nobile impresa dai risvolti scientifici e sociali, in cui si riconosce a pieno la Fondazione Boccadamo, impegnata a prendersi cura delle fragilità umane e a sostenere la tutela ambientale. Grazie al suo Presidente, il Comm. Tonino Boccadamo, è stato possibile l’acquisto dei materiali necessari ai rilievi e alle analisi chimico-biologiche che verranno condotte dagli studenti. Un’occasione per sviluppare competenze scientifiche e formazione avanzata, anche questa tra i valori che la Fondazione intende promuovere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli studenti cominceranno domani, 29 marzo, le loro rilevazioni a partire dalle cascate dello Schioppo, continuando nella zona dell'ascensore inclinato, proseguendo in località Fontana Tonica e terminando presso località Pratillo. Lo studio si concluderà nel mese di Maggio e potrà fornire una verifica dettagliata sulle condizione di salute del fiume Cosa affinché, come auspicato dal progetto, il corso d’acqua ciociaro diventi una risorsa e non più un problema. “Nulla di ciò che è umano mi è estraneo”; parafrasando l’autore latino Terenzio, potremmo estendere questa verità a ciò che chiamiamo “ambiente”, la salute e la custodia del quale ci riguarda tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento