Nord CiociariaToday

Frosinone, inaugurata da Alba D’Eusanio la libera universita’ del cinema e della T.V.

La provincia di Frosinone è entrata di diritto a far parte della “geografia” dello spettacolo. Con l’inaugurazione della LUCT, la Libera Università del Cinema e della TV, che ha visto giungere nel capoluogo centinaia di operatori del settore...

LUCT Il tavolo dei relatori

La provincia di Frosinone è entrata di diritto a far parte della “geografia” dello spettacolo. Con l’inaugurazione della LUCT, la Libera Università del Cinema e della TV, che ha visto giungere nel capoluogo centinaia di operatori del settore capitanati dall’affermata giornalista Alda D’Eusanio, il capoluogo ciociaro si è candidato ad essere sede di set e studiosper produzioni cinematografiche e televisive.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A confermare l’unità di intenti che vede ora agire in Ciociaria i promotori di questa iniziativa rivolta alla professionalizzazione dei giovani, ai quali si vuole concretamente offrire la possibilità di formarsi, scoprendo fianco a fianco ad affermati operatori del settore i cosiddetti “trucchi del mestiere”, è stato il Presidente di questa nuova entità, Vincent Tatangelo, conosciuto event maker, il quale, ringraziando i professionisti che con lui hanno dato vita alla LUCT, ha confermato come “questa opportunità nasce in Ciociaria, sia per consentire ai nostri ragazzi di formarsi toccando con mano un mondo che spesso appare troppo distante, sia per recuperare siti industriali dismessi affinché possano essere allestiti con scenografie utili alle produzioni cine-tv che, anziché scegliere solo Roma, possano finalmente avere opportunità anche qui da noi”. Un’idea questa che è stata confermata oltre che dalla D’Eusanio, madrina della nascita della LUCT, anche da Fabio Violante, affermato architetto scenografo che si è detto “più che convinto che Frosinone ed il suo territorio sappiano rivelarsi una risorsa da utilizzare per i tanti operatori dello spettacolo”. Dello stesso avviso anche Ida Montanari, notissima maestra di trucco di star famosissime “pronta a scommettere su questo territorio, dove esiste meno concentrazione rispetto all’hinterland romano, e quindi più possibilità di lavorare a misura d’uomo coinvolgendo direttamente i ragazzi, naturalmente non solo di questa zona, per creare una nuova comunità di professionisti pronta a misurarsi dignitosamente nel settore”. Un settore che andrà a coniugarsi con quello già operativo di Roma, grazie anche all’impegno di Fiorenza Scandurra della Libera Università del Cinema, che “con i contatti già attivi nella Capitale avrà possibilità di agganciarsi a situazioni già produttive, assicurandone pienamente il supporto”. I giornalisti presenti all’evento hanno manifestato grande interesse per la valorizzazione del territorio ciociaro che, come ha detto Maurizio Lozzi, moderatore dell’iniziativa,“vede riconnettersi con la Ciociaria, saperi, mestieri e competenze che oggi sono radicate negli ambienti romani, ma che ieri, ricordando Manfredi, Mastroianni o De Sica appartenevano già alla nostra terra”. Per certi versi la LUCT sigla infatti un ritorno a casa, muovendosi però su ambiti non certo nostalgici, ma altamente moderni, grazie a tecnologie e strumentazioni con cui i futuri allievi potranno con l’attivazione dei corsi misurarsi. Grande apprezzamento è venuto poi dai tanti operatori cinematografici e televisivi, arrivati appositamente con un bus a Frosinone, per augurare un radioso futuro alla LUCT. Tra questi, oltre ai saluti di Silvia Scola, Pamela Prati, Maurizio Costanzo, Simona Izzo, Gianni Ippoliti, Cristiano Malgioglio, Alessandra Celentano, Emanuele Vezzoli, Patrizio Rispo, Giorgio Molteni, Gianfrancesco Lazotti Regista e Antonio Stefanucci anche la presenza dei produttori Alberto De Venezia, Giuseppe Milazzo Andreani, Angelo Iacono, Romolo Biondi, del distributore Mario Cesare Parigi, del docente di Sociologia Media Visual Massimiliano Artibani, dei registi Riccardo Sesami, Rosario Maria Montesanti, Daniele Pettinari e Roberto Fiacchiani, degli sceneggiatori Daniela Malavolta e Giovanna Caico, degli attori Francesco De Francesco, Paolino Blandano e Massimiliano Pazzaglia, dei direttori di fotografia Jessica Giacomo e Claudio Sabatini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento