menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frosinone, muore dopo tre giorni di attesa per un posto letto allo Spaziani. Si chiedono spiegazioni

Tre giorni in attesa di un posto letto che non arriva. La morte di un uomo di 54 anni all’ospedale “Spaziani” di Frosinone lo scorso venerdì è solo l’ultimo tragico esempio di come la sanità nella Ciociaria sia allo sbando. Da una prima...

Tre giorni in attesa di un posto letto che non arriva. La morte di un uomo di 54 anni all'ospedale "Spaziani" di Frosinone lo scorso venerdì è solo l'ultimo tragico esempio di come la sanità nella Ciociaria sia allo sbando. Da una prima ricostruzione dei fatti, in base alle testimonianze dei familiari, l'uomo sarebbe rimasto in pronto soccorso senza ricevere né assistenza né alcuna terapia adatta.

Nonostante fosse entrato nel reparto di emergenza per colpa di un'insufficienza polmonare. Solo su insistenza dei parenti, dopo tre giorni, i sanitari si sarebbero attivati per inviare un fax con cui richiedere un ricovero ad un'altra struttura dotata del reparto di pneumologia.

Sulla vicenda, la Regione Lazio ha chiesto alla Asl di Frosinone una relazione che indaghi come sono andate effettivamente le cose. Inoltre il Vice Presidente del Consiglio regionale e Capogruppo de La Destra, Francesco Storace, ha presentato un'interrogazione urgente al Presidente della Giunta, Nicola Zingaretti, per avere una spiegazione sull'accaduto.

"Ci associamo alla richiesta del consigliere Storace per ottenere presto delucidazioni su questo ennesimo presunto caso di malasanità nel frusinate", dichiarano Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di CODICI, e Enrico Di Battista, Segretario Frosinone CODICI.

"Al direttore generale della Asl, Isabella Mastrobuono, chiediamo di convocare al più presto una commissione d'inchiesta a cui possano partecipare anche i rappresentanti delle associazioni dei consumatori che possano garantire la trasparenza dei lavori".

"Inoltre - aggiungono Giacomelli e Di Battista - invitiamo a riaprire con urgenza i pronto soccorso di Ceccano e Ceprano dal momento che quello di Frosinone non è sufficiente alla mole di pazienti che avrebbero bisogno di assistenza nella zona".

Ricordiamo che CODICI da maggio ha attivato una campagna INDIGNAMOCI dedicata alla segnalazione di casi di malasanità in tutta Italia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento