Nord CiociariaToday

Frosinone, Saf: “no ai rifiuti da Roma, adeguamento dell’impianto, nuovo contratto di servizio”

No ai rifiuti provenienti da altri territori; impegno a non proseguire e rinnovare i contratti di servizio in essere in scadenza al 31 dicembre; investimenti sull’impianto di Colfelice per renderlo funzionale rispetto al trattamento di raccolta...

palazzo-provincia-5

No ai rifiuti provenienti da altri territori; impegno a non proseguire e rinnovare i contratti di servizio in essere in scadenza al 31 dicembre; investimenti sull’impianto di Colfelice per renderlo funzionale rispetto al trattamento di raccolta differenziata nei comuni dell’Ato di Frosinone.

In più, tali direttive andranno a derogare il Contratto di servizio di conferimento dei rifiuti solidi urbani sottoscritto dai comuni e il Presidente della Saf si impegnerà nell’arco dei prossimi sei mesi a sottoporre all’assemblea dei soci un nuovo contratto di servizio in deroga al precedente, anche per i comuni che già lo hanno sottoscritto.

Questo il contenuto del documento approvato dall’Assemblea dei sindaci della Saf di Frosinone. A proporre il documento il sindaco di Castelliri Francesco Quadrini, condiviso e fatto proprio dal Presidente della Provincia Antonio Pompeo.

A Cesare quel che è di Cesare: i Sindaci strappano alla SAF un ottimo risultato

I nostri soci lo sanno: Civis non teme di attaccare le amministrazioni comunali quando è necessario.

Stavolta i sindaci il loro lavoro l’hanno fatto, bene. Il loro ruolo l’hanno svolto, appieno. Il risultato l’hanno conseguito, ed è buono.Va riconosciuto.

Il Consiglio di Amministrazione della SAF sotto la pressione dei sindaci ha dovuto rimangiarsi il contratto di servizio, impegnandosi a rivederlo, emendarlo delle clausole che subdolamente autorizzavano SAF ad accettare il conferimento dei rifiuti da fuori Provincia, e poi sottoporre il nuovo testo alla firma di tutti i sindaci, anche di quelli che –incautamente- lo avevano già siglato.

Ma ciò che ci soddisfa di più è che i sindaci hanno imposto a SAF un cambio strategia industriale; il documento recepito nel verbale d’assemblea obbliga il consiglio di amministrazione a ridurre gli investimenti sul trattamento della frazione indifferenziata dei rifiuti ed a puntare verso l’economia circolare, il riciclo e recupero, le frazioni differenziate dei RSU.

E questo è un ottimo risultato.

Gli impianti SAF, come ha comunicato la stessa società nella Relazione di Gestione, dovranno essere sottoposti a VIA Valutazione d’Impatto Ambientale: è l’occasione per concretizzare il cambio di passo; i sindaci/soci si aspettano un nuovo progetto completamente diverso dal potenziamento del TMB, un progetto che punti al futuro e non al passato, ovvero al vecchio ciclo TMB-inceneritore-discarica.

Civis seguirà tutto il percorso amministrativo, come d’obbligo.

Diamo, perciò, a Cesare quel che è di Cesare.

Come associazione non possiamo che ringraziare il sindaco di Roccasecca, Giuseppe Sacco, ed il Sindaco di Patrica, Lucio Fiordalisio: senza la loro determinazione il risultato non sarebbe arrivato. Lo stesso attestato va al Sindaco di Ferentino Antonio Pompeo che continua a percorrere la strada della salvaguardia del territorio sulla quale ha avviato l’amministrazione comunale di Ferentino.

Si apre ora un altro fronte, quello del contrasto alla sciagurata iniziativa dell’amministrazione regionale che ha proposto la costituzione di un ATO Unico con l’evidente intento di aggirare i vincoli imposti dai principi di autosufficienza e prossimità nel trattamento dei rifiuti all’interno dei cinque sub ATO Provinciali.

L’obiettivo al quale mira la Regione Lazio è evidente: permettere la circolazione dei rifiuti indifferenziati sul tutto il territorio regionale, senza alcun limite.

Stasera, però, con quel documento i sindaci hanno ribadito che all’autosufficienza dei territori non si deroga, e che neppure si devia dall’obiettivo del recupero e riciclo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se manterranno la barra dritta, come hanno fatto oggi, anche quel pericolo potrà essere sventato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento