Nord CiociariaToday

Frosinone, piazza Risorgimento: giovedì l’inaugurazione

Giovedì 27 luglio alle 19.30 si terrà l’inaugurazione della rinnovata piazza Risorgimento a Frosinone. All’iniziativa prenderanno parte il sindaco, Nicola Ottaviani, l’amministrazione tutta e le autorità civili e militari del territorio.

Frosinone Piazza Riusorgimento 1

Giovedì 27 luglio alle 19.30 si terrà l’inaugurazione della rinnovata piazza Risorgimento a Frosinone. All’iniziativa prenderanno parte il sindaco, Nicola Ottaviani, l’amministrazione tutta e le autorità civili e militari del territorio.

La cerimonia, della durata di un’ora, tenuto conto del fatto che alle 21.15 è previsto, anche, l'inizio dell'ultima settimana del Festival dei Conservatori, sarà allietata dalla presenza di musica e di giochi e intrattenimento per bambini. Le operazioni di riqualificazione dell’intero spazio ubicato a ridosso del santuario di San Gerardo sono state portate a termine dai tecnici del Comune, coordinati dal dirigente Noce e dall'assessore ai lavori pubblici Tagliaferri, nell’arco di circa un anno: l’amministrazione Ottaviani ha raggiunto tale obiettivo, mediante la escussione della polizza di fidejussione, dopo aver registrato anni di inadempimenti contrattuali degli obblighi urbanistici e ornamentali gravanti sull’impresa che aveva trasformato, circa 10 anni fa, il vecchio carcere (alle spalle del monumento a Umberto I) in centro residenziale. L’amministrazione comunale ha quindi, sottoscritto una transazione ad hoc con la soprintendenza dei Beni culturali del Lazio, che ha permesso lo sblocco definitivo dell’opera. Grazie a una variante progettuale, fortemente voluta dal sindaco Nicola Ottaviani, sono stati ritagliati, su tutta l’area di piazza Risorgimento, circa 15 posti auto per la sosta dei residenti e dei frequentatori del santuario e del comando provinciale della Guardia di Finanza. "I lavori che abbiamo realizzato nella nuova piazza Risorgimento - ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani - hanno riqualificato un'area che in passato era stata destinata soltanto ad un groviglio di auto, restituendo lo spazio alla socializzazione dei cittadini, oltre che a quanti frequentano sia il santuario di san Gerardo, sia il nuovo grande comando provinciale della Guardia di Finanza. Quando l’amministrazione avrà la possibilità di attingere ad ulteriori risorse economiche, procederemo ad un abbassamento aggiuntivo del fronte della piazza attorno alla fontana, conformemente alle indicazioni contenute nella transazione firmata con la Soprintendenza. La piazza – ha proseguito il sindaco – è sostanzialmente divisa in due versanti. In quello settentrionale trovano dimora giardini ed essenze floreali, anche di natura stagionale, curati direttamente dall’amministrazione comunale. Il versante meridionale, invece, vicino al sagrato della chiesa, potrà ospitare, in futuro, anche eventi culturali oltre che i fedeli durante le cerimonie del calendario liturgico. In questo modo, sarà esaltato sia il profilo laico dell’aggregazione, sia quello religioso: san Gerardo costituisce, infatti, il secondo elemento identitario della città, dopo quello dei santi patroni Silverio e Ormisda".

A questo punto, potranno rivivere le vecchie tradizioni di frequentazione dell’area che si erano interrotte dopo il nuovo insediamento di edilizia privata, allorquando rimasero incompiute le opere relative alla realizzazione degli standard di verde e di opere destinate alla pubblica fruibilità.

FROSINONE, IL COMUNE BUSSA A DENARI ALLA REGIONE.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I numeri diffusi dall’ufficio finanze del Comune di Frosinone relativi al triennio 2015-2017, concernenti i contributi regionali e statali, non lasciano spazio ad interpretazioni. Il trasferimento regionale per il mantenimento degli anziani in RSA ha subito una riduzione del 42%: tuttavia, il servizio non ha subito variazioni, dal momento che il mancato ingresso di risorse dalla Regione Lazio ha determinato un incremento della quota di spesa a carico del Comune. La Regione Lazio ha ridotto, poi, in modo notevole, il contributo relativo al finanziamento delle funzioni generali della pubblica istruzione, che si è tradotto in un calo del 41%. Per quanto riguarda i contributi statali la riduzione è di entità più rilevante: il Fondo Di Solidarietà Comunale si è ridotto nel triennio di € 1.438.000 e non è stato possibile recuperare la perdita di gettito con l’incremento dell’aliquota dell’IMU sulla seconda casa, già fissata con il piano di riequilibrio all’importo del 10,6 per mille. “Sulla situazione finanziaria degli enti locali – ha dichiarato l’assessore al bilancio e alle finanze, Riccardo Mastrangeli – gravano, in modo particolarmente drammatico, i tagli operati dal Governo centrale e dalla Regione Lazio. Il Comune di Frosinone è più penalizzato di altri dai mancanti introiti, a causa della procedura di riequilibrio finanziario innescata per porre rimedio a un ‘buco’ di 50 milioni di euro di debiti, che non ha certo generato l’attuale amministrazione. Vista la gravità della situazione, il Comune ha messo in atto interventi eccezionali sulle entrate. Il piano di riequilibrio in questione, però, è stato redatto tenendo conto della legislazione vigente in quel momento: oggi, però, le casse comunali, soggette a procedura di armonizzazione contabile, subiscono inoltre un minor gettito finanziario derivante dai tagli operati da Regione e Stato. La preoccupazione maggiore dell’ente di piazza VI dicembre, impegnato da cinque anni nell’estrema razionalizzazione della spesa disponendo di un personale ridotto all’osso, riguarda il livello qualitativo e quantitativo dei servizi offerti alla cittadinanza: a causa delle restrizioni finanziarie operate da Governo e Regione, infatti, il Comune di Frosinone rischia di diminuire l’offerta di servizi, per raggiungere il pareggio di bilancio. Questa ipotesi, se dovesse trasformarsi in realtà, sarebbe intollerabile, visto il momento storico in cui viviamo, nel quale la crisi economica sta minando la serenità di tante famiglie. Questa amministrazione comunale ha lavorato perché Frosinone si ponesse alla guida dei capoluoghi del Lazio in materia di uscite e investimenti nel settore dell'assistenza sociale, relativamente, quindi, all'erogazione di servizi come asili nido, residenze per anziani, prevenzione e riabilitazione domiciliare, assistenza alle famiglie con portatori di handicap o colpite da fenomeni gravi di disagio economico e sociale. È impensabile che, a causa della politica miope di Regione e Stato, il Comune debba voltarsi dall’altra parte rispetto alle criticità e alle difficoltà che, quotidianamente, molti nostri concittadini vivono. Da un lato, i contributi destinati agli enti locali sono stati tagliati pesantemente, dall’altro lo Stato si è attribuito maggiori risorse per poter spendere di più. Ciò, però, non può ripercuotersi sulle vite di tanti cittadini che stanno già pagando il prezzo altissimo della crisi economica. Qualora, poi, Governo e Regione avessero deciso di smantellare completamente lo stato sociale, allora lo dicano chiaramente per farci mettere l'anima in pace".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento