rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Nord Ciociaria

Frosinone, si riaprono le porte del carcere per spacciatrice agli arresti domiciliari

Eseguita dalla Polizia di Stato ordinanza di ripristino della custodia cautelare in carcere per una donna arrestata ad ottobre scorso.

Eseguita dalla Polizia di Stato ordinanza di ripristino della custodia cautelare in carcere per una donna arrestata ad ottobre scorso.

Nella mattinata di ieri la Squadra Mobile di Frosinone ha eseguito un'ordinanza di ripristino della custodia cautelare in carcere nei confronti di una quarantatrenne del capoluogo.

La donna era stata arrestata dagli investigatori della Questura a fine ottobre scorso, dopo che erano state ritrovati, all'interno della propria abitazione, 68 dosi di cocaina e denaro provento dell'attività di spaccio, mentre la stessa stava già scontando una condanna a 6 anni ed 8 mesi, sempre per reati in materia di stupefacenti.

Dopo l'arresto, la frusinate era riuscita ad ottenere la detenzione domiciliare ma personale della Squadra Mobile, evidenziando il pericolo che, come già accaduto, potesse riprendere l'illecita attività presso la propria abitazione, ha richiesto alla Corte di Appello di Roma un provvedimento restrittivo.

I giudici della Corte di Appello hanno accolto la tesi della Polizia Giudiziaria frusinate e per la donna si sono riaperte le porte del carcere femminile di Rebibbia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frosinone, si riaprono le porte del carcere per spacciatrice agli arresti domiciliari

FrosinoneToday è in caricamento