Nord CiociariaToday

Frosinone; tavolo lavoro e sviluppo, Amata: “incontro positivo. vigileremo sui provvedimenti della regione e del governo”

Positivo incontro presso la sede di Casa Lazio a Frosinone, della riunione sul Sistema Lavoro e Sviluppo in provincia di Frosinone convocata dalla Regione Lazio, con la presenza dell’assessore Lucia Valente, del capo segretaria dell’assessore...

maurizio-bondatti

Positivo incontro presso la sede di Casa Lazio a Frosinone, della riunione sul Sistema Lavoro e Sviluppo in provincia di Frosinone convocata dalla Regione Lazio, con la presenza dell’assessore Lucia Valente, del capo segretaria dell’assessore Fabiani, Paolo Orneli e del capo segreteria dell’assessore Buschini, Lucio Migliorelli.

Per la Provincia di Frosinone, presente il vicepresidente Andrea Amata.

Tra i punti esaminati, gli effetti delle misure adottate dalla Regione Lazio come il bonus assunzionale per le province di Frosinone e Rieti, operativo dal 20 settembre e con effetti a valere dalle assunzioni del 15 giugno.

“Si tratta di una misura utile a favorire l’occupazione – ha spiegato Andrea Amata – l’auspicio è che venga accolta e utilizzata dal sistema imprenditoriale locale al fine di potenziare la propria forza lavoro. Un sistema incentivante ed incentivato per invertire la tendenza negativa che da anni affligge il nostro territorio”.

“ La Provincia di Frosinone – ha continuato il vicepresidente Amata – si farà ambasciatrice di queste misure perché la crisi pungente, che non accenna a placarsi, esige una compattezza e una unione d’intenti fra tutti gli attori istituzionali, per dare risposte tangibili e concrete senza frazionare la forza territoriale”.

L’incontro è stato anche occasione per affrontare tematiche relative agli interventi di politica ambientale, in particolare all’esito del riconoscimento della Valle del Sacco come Sito di Interesse Nazionale.

“E’ fondamentale bonificare i siti contaminati – ha commentato Amata – perché il beneficio non sarebbe solamente per la salute dei cittadini e per la qualità ambientale, ma anche per l’economia e la ricchezza che si genererebbe. Infatti, studi recenti hanno dimostrato che l’investimento pubblico nel settore, avrebbe un ritorno positivo di investimenti privati, producendo un valore aggiunto in termini occupazionali”. “Occorre anche “bonificare la bonifica”, affinché i Sin non siano fabbriche di consulenze su terreni congelati che vanno, invece, sbrinati in una logica di crescita sostenibile".

All’ordine del giorno della riunione anche il tema dell’Area di Crisi complessa. Il vicepresidente Amata e l'assessore regionale Valente hanno incontrato i delegati della Vertenza Frusinate.

“Il decreto – ha spiegato alla delegazione il vicepresidente Andrea Amata – deve ancora essere vistato dalla Corte dei Conti. L’auspico è che il provvedimento del ministro Poletti, tarato sulle nove aree di crisi complessa già conclamate, includa anche la decima, la provincia di Frosinone, al fine di ottenere tutti i benefici economici a favore dei lavoratori privi di ogni sostegno reddituale”.

“Grazie a questo provvedimento, sollecitato anche dalla Provincia di Frosinone, abbiamo una solida base per svitare il tappo dell’impotenza che sta soffocando le legittime aspettative di una popolazione lavorativa che ha subito preoccupanti lesioni sociali che vanno risanate prima che si propaghino a raggiera con effetti irreversibili di depressione economica”.

“Vigileremo sulle procedure – ha concluso Amata, al termine dell’incontro con i lavoratori – sia quelle della Regione, che del Governo, anche rispetto alla loro implementazione sul nostro territorio, in una logica di sinergia e di costruttiva collaborazione, che guarda unicamente all’interesse dei nostri concittadini”.

BONDATTI: “PERFETTAMENTE D’ACCORDO CON CAPERNA. IL PD STA CON ANTONIO POMPEO”

“Sono perfettamente d’accordo con quanto evidenziato dal consigliere Germano Caperna. Non esiste nessuna distanza con il Presidente Pompeo. Ne condividiamo e sosteniamo la linea, in particolare rispetto alle necessità di affrontare con responsabilità le diverse questioni che riguardano questo territorio, utilizzando quell’approccio di tipo amministrativo che deve contraddistinguere un ente di secondo livello”.

E’ quanto afferma il consigliere provinciale del Pd Maurizio Bondatti.

“E’ semplice: se si ragiona per appartenenze politiche quando si tira in ballo la Provincia, allora si dovrebbe allargare il discorso a tutti gli enti intermedi, con l’unico risultato di paralizzare l’attività di istituzioni che hanno dirette competenze sulla vita dei cittadini, proprio perché stiamo parlando di organismi in cui la dialettica delle “casacche” va sostituita con la necessità di guardare ai servizi e alle risposte che bisogna dare ad un territorio”.

“Prendo spunto dall’approvazione del bilancio della Provincia. Esso è passato con il voto favorevole del consiglio e dell’assemblea dei sindaci, senza tenere conto delle appartenenze perché necessario per liberare risorse che saranno investire per la manutenzione delle strade, per le scuole, insomma per garantire la funzionalità della quotidianità della vita reale”.

“Ai cittadini, delle alleanze e delle coalizioni in un ente di secondo livello interessa poco, interessa molto di più che le cose funzionino.

Ecco perché ha fatto bene il consigliere Caperna a riportare il discorso sui binari giusti, evidenziando anche un altro aspetto: la lealtà e il rispetto degli impegni assunti dal Presidente Pompeo e non solo. Un argomento non di poco conto, visto che non ci sono molti esempi in tal senso.

Sarebbe il caso dunque, - conclude il consigliere Bondatti - a pochi mesi dal rinnovo proprio del consiglio provinciale e con tante urgenze in campo, di mettere da parte tematiche poco attinenti al compito che deve svolgere l’Amministrazione provinciale. Caso mai, la discussione va spostata sulle prossime elezioni nei comuni, affinché il centrosinistra si impegni convintamente nella costruzione di schieramenti uniti e forti che sappiano vincere le competizioni elettorali, guardando a quelli che naturalmente rappresentano gli alleati del Pd, ossia il Psi e Sel”.

maurizio-bondatti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le scarpe della Lidl vanno a ruba anche a Frosinone: sold out in pochi minuti

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Paliano, è morto l’imprenditore Umberto Schina

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Tentato omicidio in viale Mazzini, ecco cosa c'è dietro la tragedia di ieri notte

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento