menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
il personale medico e infermieristico del reparto con la Delegazione di Veroli dell'Ordine di Malta

il personale medico e infermieristico del reparto con la Delegazione di Veroli dell'Ordine di Malta

La Delegazione di Veroli dell'Ordine di Malta ha donato 10 televisori al reparto di malattie infettive dell'ospedale di Frosinone

Al servizio di chi soffre: il principio che ha ispirato, dalla sua nascita, l'Ordine di Malta, guida ancora oggi l'azione di coloro che ne fanno parte.

Al servizio di chi soffre: il principio che ha ispirato, dalla sua nascita, l'Ordine di Malta, guida ancora oggi l'azione di coloro che ne fanno parte.

L'impegno dell'Ordine nelle attività sociali e assistenziali si è realizzato, nei giorni scorsi, nell'iniziativa voluta dalla Delegazione di Veroli (guidata dal Marchese Alessandro Bisleti) a favore del reparto di malattie infettive dell'Ospedale "Spaziani" di Frosinone: dieci televisori sono stati donati per le singole stanze di degenza. I pazienti qui ricoverati spesso sono posti in isolamento respiratorio e l'ausilio dei programmi TV può alleviare il disagio e dare un po' di conforto. La donazione dei televisori è solo un tassello della più ampia collaborazione instauratasi tra la Delegazione e il reparto. Alcuni mesi fa, infatti, il Dr. Mario Limodio, specialista in Medicina Tropicale, dirigente medico dell'UOC di Malattie Infettive e Tropicali e già Direttore Sanitario della Delegazione dell'Ordine di Malta, ha tenuto un corso di formazione per i giovani volontari organizzato insieme al Presidente del Gruppo Giovanile di Veroli, il Donato di Devozione Giuliano Paniccia, a cui hanno partecipato, in qualità di docenti, numerosi dirigenti medici della ASL. I volontari formati in tale occasione andranno quindi a offrire il proprio contributo, per quanto possibile, allo svolgimento delle incombenze quotidiane del reparto, affiancando medici, allievi, infermieri. "Abbiamo compiuto con gioia questo piccolo gesto", ha detto Giuliano Paniccia, in occasione della visita al reparto. "Credo che proprio questi pazienti abbiano più bisogno di assistenza, di amore, di attenzione da parte nostra e della cittadinanza: sono quelli che la società più emargina. Vogliamo dare un segnale forte che speriamo venga recepito da tutti". "I nostri volontari - ha detto il Delegato Alessandro Bisleti - saranno vicini al personale medico e infermieristico per aiutare i pazienti. Saranno accompagnati in questa esperienza dall'etica che contraddistingue l'Ordine e da un protocollo preciso, oltre che dalle conoscenze apprese durante il corso di formazione" - ha detto Bisleti - ribadendo dinanzi ai presenti la volontà della delegazione di essere "sempre a disposizione". Il dott. Limodio ha voluto ringraziare la delegazione a nome del personale tutto del reparto, dei dirigenti e del primario, la dottoressa Katia Casinelli. "Vorrei citare Madre Teresa di Calcutta: quello che non viene donato, viene perso. La donazione di per sé è una cosa nobile, bella, ma il gesto della delegazione di Veroli è particolarmente importante perché avviene a beneficio di pazienti che sono davvero gli 'ultimi'". All'iniziativa hanno presenziato Riccardo Mastrangeli, Responsabile Territoriale della Provincia di Frosinone, Alessandro Carducci, Responsabile del Gruppo Volontari di Ceprano ed un numeroso gruppo di Volontari delle province di Frosinone e Latina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento