Nord CiociariaToday

Paliano, a vuoto anche la seconda asta dell’ex Parco Uccelli della Selva e di Cascina Paola

E’ andata nuovamente deserta l’asta del 12 luglio scorso  per l'acquisto dell’ex parco Uccelli della Selva di Paliano oggi  Monumento Naturale  Regionale (per noi "innaturale" perché costruito dall’uomo appena 40 anni fa, al quale bisogna togliere...

Paliano-Pasqetta-La-Selva-

E’ andata nuovamente deserta l’asta del 12 luglio scorso per l'acquisto dell’ex parco Uccelli della Selva di Paliano oggi Monumento Naturale Regionale (per noi "innaturale" perché costruito dall’uomo appena 40 anni fa, al quale bisogna togliere i vincoli assurdi del parco che non consente ne sviluppo ne occupazione con la Regione Lazio che fa lo struzzo ossia nasconde la testa sotto la sabbia e il comune che dilapida denaro pubblico).

Al secondo incanto per i 66 ettari di terreno l’ex Parco Uccelli e Cascina Paola (contenete un ristorante, due Bar e una vaccheria per circa 250 mucche) non si è presentato nessuno. Il vincolo molto severo imposto dalla Regione Lazio che prevede dei progetti con un business plan non attira investitori e così l’economia locale resta al palo e l’era politica-amministrativa Zingaretti – Buschini – Alfieri ( tutti del PD) si rivela sempre più un disastro per l’economia locale e pensare che si potrebbero realizzare non meno di mille posti di lavoro una volta messo a regime lo sviluppo previsto. Questa è la politica della sinistra ovvero quella dell’immobilismo e del far perdere ai cittadini sempre più soldi.

La terza ed ultima asta è stata fissata al 12 dicembre prossimo con il ribasso del 10% e speriamo che questo ulteriore ribasso faccia smuovere qualche privato o qualche ente pubblico che ha intenzione di sviluppare il luogo.

Intanto, a fine Giugno è anche scaduto il fitto, proprio del terreno andato all’asta, del Comune di Paliano per 42 mila euro (per realizzare non si è capito bene cosa una manifestazione per i Bambini delle scuola, lasciati assiderati al sole e senza acqua) che succederà oggi? Il Comune tirerà fuori altri 42.000 euro per affittare il terreno e lasciarlo aperto alle coppie gay, come sta avvenendo ora, perché crede nell’amore libero?

Loro comandano e possono fare quello che vogliono, poi tra due anni faranno i conti con la popolazione e si presenteranno con quanto hanno realizzato finora ovvero il nulla con qualche piccola eccezione come la realizzazione del manto erboso sintetico al campo comunale costato alle casse comunali oltre un milione di Euro per stare fermo tre mesi l’anno senza attività sportiva e con quali ricavi da parte del comune? Ma soprattutto non doveva portare turismo, affermavano allora gli amministratori comunali e il selfiemaniaco sindaco. La Corte dei Conti fa finta di non vedere questo sperpero di denaro pubblico?

Ma torniamo all'amata Selva dilapidata prima dal privato e poi abbandonata dal pubblico; perché la Regione Lazio l’unica cosa che ha fatto ha proposto un comitato di gestione composto da 5 persone che devono essere ancora nominate, e se sono state nominate ancora non è dato a sapere, coordinate dall’assessore all’ambiente Buschini in cui dovrebbe esserci il primo cittadino e qualche rappresentante della minoranza.

Queste nomine non devono passare in Consiglio Comunale o è una prerogativa del sindaco? Poiché la politica a Paliano è come il gioco del nascondino, alla faccia della tanta decantata trasparenza pubblica lasciata chiusa nel cassetto, perché tutti devono sapere tranne che i rappresentanti dell’informazione libera e gratuita. Quella a pagamento ossia l’acquisto del giornale è del "regime" in quanto questi pubblicano solamente i pseudo comunicati inviati - tra le altre cose - da persone non iscritte all’ordine e questo è un abuso di profesione e di professionalità bello e buono che noi denunciamo pubblicamente, sfruttando due giovani con la scusa che fanno parte dello staff del sindaco con contratti da fame. Questa è l’amministrazione di Paliano, senza ne capo e ne piedi.

Giancarlo Flavi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

  • Cocaina, crack e oltre 113mila euro nascosti nel muro: arrestati madre, padre e figlio

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento