Nord Ciociaria Paliano

Paliano, Alfieri per l’acqua pubblica perde la bussola politica ed in Provincia oramai conta sempre meno

Liberate dalla politica il sindaco di Paliano visto che è rimasto “l’ultimo dei giapponesi” come ha dichiarato, nei giorni scorsi, l’On. Abruzzese (FI) riferendosi al fatto che ancora non si è accorto che la guerra è finita.

Liberate dalla politica il sindaco di Paliano visto che è rimasto "l'ultimo dei giapponesi" come ha dichiarato, nei giorni scorsi, l'On. Abruzzese (FI) riferendosi al fatto che ancora non si è accorto che la guerra è finita.

Il nostro Alfieri chi? ha rilasciato una dichiarazione ad un nostro amico giornalista nella quale dice di volersi non ricandidare se le cose in Provincia restano cosi come sono: "Sappia Antonio Pompeo (che non ha cacciato gli azzurri dalla maggioranza) che il Partito democratico è unito su questa posizione. Se qui c'è qualcuno che è diviso a questo punto è chiaro che non sono io". Poi in un altro passaggio sempre al giornalista Porcù. "Non sono disponibile a ricandidarmi alle prossime elezioni provinciali se si vuole continuare a portare avanti l'alleanza con Forza Italia. So perfettamente che la provincia è un ente di secondo livello, ma il punto è che quell'alleanza è nata su basi diverse che adesso gli "azzurri" non stanno rispettando". Insomma, pare di capire che il signor A, per noi palianesi il selfiemaniaco sindaco, ha fatto come colui che era caduto dall'asino che vergognandosi disse: "Tanto dovevo scendere".

Queste dichiarazioni sulla stampa sono state redarguite molto duramente dal presidente Pompeo "che non accetta uscite in libertà". Lui non mette in conto che il suo allontanamento dall'assemblea dei sindaci, defilandosi dalla votazione a favore della privatizzazione della gestione dell'acqua pubblica (che grazie agli azzurri non è passata) come era stato chiesto dal partito e dallo stesso Pompeo, lo ha messo di fatto in un angolo politico senza ritorno. Tanto che l'altro giorno, il movimento per l'acqua pubblica di Paliano lo ha "smascherato" con una nota stampa dal titolo: finalmente il sindaco di Paliano Domenico Alfieri getta via la maschera".

Insomma, è sempre più evidente che il nostro signor A. sta perdendo la "bussola" politica perché, oramai dice una cosa e ne fa un'altra e al momento di una votazione importante per dare man forte al partito si defila mettendo in difficolta il suo Presidente. Questa è la politica del doppio binario che si faceva una volta. Oggi di fronte alle responsabilità politiche fugge e c'è un vecchio detto che afferma: chi la fa, se l'aspetti. Lui giovane della politica provinciale anche nella sua Paliano è stato sempre una "mezza cartuccia", politicamente parlando, ed ha vinto le ultime elezioni solo perché la destra si è spaccata all'ultimo secondo. Per recuperare la grande "gaffe" fatta in Provincia con la fuga durante la votazione, adesso sembrerebbe che abbia costituito il comitato del SI nella speranza che almeno coloro che ha intorno gli stiano vicino in questo momento di difficoltà politica. Perché pur essendo il presidente del PD provinciale, conta come il due di coppe quanto regna denari.....ossia meno di niente.

Giancarlo Flavi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paliano, Alfieri per l’acqua pubblica perde la bussola politica ed in Provincia oramai conta sempre meno

FrosinoneToday è in caricamento