rotate-mobile
Nord Ciociaria Paliano

Paliano, è tornata la "dittatura" del sindaco selfimaniaco

Più il tempo passa e più l’innominato sindaco di Paliano, dimostra di essere sempre più piccolo, come sindaco e come politico, adesso che è anche presidente del PD provinciale.

Più il tempo passa e più l’innominato sindaco di Paliano, dimostra di essere sempre più piccolo, come sindaco e come politico, adesso che è anche presidente del PD provinciale.

Lui vuole l’informazione a senso unico. Si perché pretende di far conoscere quelle poche cose che fanno solo tramite il periodico comunale, che si paga con i soldi di tutti i cittadini, e sul quale non si da spazio neanche alle minoranze. A Paliano, quindi, si amministra in modo unidirezionale o meglio bulgaro. E’ proprio vero: il lupo perde il pelo ma non il vizio; dice un vecchio adagio.

Così, cari lettori dovete sapere che l’innominato sindaco di Paliano ci ha fatto cancellare dalla mailing list utilizzata per la diffusione dei comunicati istituzionali, dalle amicizie e dai gruppi di facebook e chi più ne a più ne metta, questa si che è democrazia, la nuova democrazia 3.0.

Che politico illuminato! In questo modo, non solo si è precluso la diffusione dei suoi comunicati (che abbiamo sempre pubblicato) a migliaia di persone che ci leggono, e non ai quattro gatti che guardano i suoi selfi, ma ha escluso di fatto anche le dichiarazioni degli altri assessori comunali.

Inoltre, da quanto ci è stato riferito, ha dato ordine (l'imperatore selfimaniaco) di non avere più nessun contato con noi perché rei di essere liberi di scrivere il nostro pensiero e non solo quello che lui dice. L’innominato sindaco, non accetta critiche, ne amministrative ne politiche, lui fa parte dei grandi (Sic!!!) che si arrovellano il cervello per esprimere un pensiero. Un pensiero che però prima di tirarlo fuori deve farsi fare coraggio dal vice sindaco. Bastava essere presenti alla riunione del Gal, presso la sala della locale BCC, per capire di che pasta è fatto questo sindaco che perde sempre l’occasione per stare zitto.

Che dire, inoltre, della figuraccia che ha fatto ultimamente a Colleferro quando doveva essere presente all’assemblea del Gal, annunciato su tutti i manifesti, ma non si è presentato. Evitiamo di riferirvi il commento di Pierluigi Sanna, Sindaco di Colleferro, molto diplomatico e davvero molto politico, perché tra Sanna ed il selfimaniaco di distanza ce n'è veramente troppa.

Insomma, più passa il tempo e più l’innominato diventa "na sola", perché riesce a fare solamente promesse che poi puntualmente vengono smentite dai fatti. Ad esempio ha scommesso con un cittadino di Paliano che per l’inizio di agosto avranno inizio i lavori di rifacimento della Palianese Sud e di Via delle Valli, aspettiamo di conoscere come finirà questa scommessa ma già abbiamo qualche sentore. Intanto, la gente gli invia sempre più improperi perché con gli acquazzoni di questi giorni la Palianese Sud e via della Valli diventano sempre più intransitabili, ma badate bene, sono due strade provinciali. Lui, l’innominato, non è anche assessore alla Provincia? Ci pare proprio di si! E, non ci pare che sia così illuminato anche in questo settore.

Giancarlo Flavi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paliano, è tornata la "dittatura" del sindaco selfimaniaco

FrosinoneToday è in caricamento