Nord CiociariaToday

Paliano, la Porta Santa delle polemiche. Il comune non ha messo neanche le sedie per gli anziani

Domenica 8 maggio, nella suggestiva cornice del Monumento Naturale “Selva di Paliano e Mola di Piscoli”, è stata finalmente aperta la “Porta Santa della Misericordia nella Creazione e nell’Ambiente”: - si legge nel comunicato

DSC06479

Domenica 8 maggio, nella suggestiva cornice del Monumento Naturale “Selva di Paliano e Mola di Piscoli”, è stata finalmente aperta la “Porta Santa della Misericordia nella Creazione e nell’Ambiente”: - si legge nel comunicato

emesso dal Comune di Paliano- una solenne cerimonia all’aria aperta, tra alberi e montagne all’orizzonte, che ha radunato una folla di fedeli, turisti e curiosi, e coinvolto l’intero bacino dell’alta Ciociaria per accogliere e celebrare il Giubileo proclamato da papa Francesco.

Il rito è stato presieduto dal vescovo di Palestrina, Mons. Domenico Sigalini, affiancato dal vescovo di Velletri-Segni, Mons. Vincenzo Apicella, ed ha visto la partecipazione di numerose autorità, tra cui il Prefetto e il Questore di Frosinone, il presidente provinciale Antonio Pompeo, l’assessore regionale Mauro Buschini, la direzione ambiente della Regione Lazio, i sindaci del comprensorio e le alte cariche delle forze dell’ordine. Un’occasione per credenti e laici di meditare insieme sull’importanza di tematiche come il rispetto dell’ambiente, la tutela delle risorse naturali, la necessità di una presa di coscienza definitiva sulle azioni dell’uomo che determinano le sorti del mondo stesso.

Abbiamo voluto pubblicare parte di questo comunicato (le altre cose le trovate nei nostri due precedenti articoli) inviato dal Comune di Paliano, anzitutto per non mandare sprecate le foto scattate dal nostro operatore TV Filippo Rondinara, che ringraziamo. Poi perché volevamo evidenziare il fatto e far presente al Sindaco quanto pesi la sua assenza al primo appuntamento dove ci si poteva imporre di far aprire la Porta Santa nella proprietà Regionale che lo stesso comune vorrebbe gestire in futuro (ma che ancora non delibera di farlo).

Una Porta Santa che avrà un futuro, anche perché tutte le domeniche, per chi non lo avesse capito, il Vescovo o chi per lui, verranno alle ore 12,00 a celebrare la Santa Messa per far attraversare giustamente la Porta Santa dell’ambiente e del creato ed avere la cancellazione totale dei loro peccati, per chi non lo ha potuto fare il primo giorno.

Quindi non solo il momento dell’inaugurazione ma tutte le domeniche, dove nello stesso posto, peraltro, si troverà anche il mercato di Natura In Campo (di quei pochi produttori che sono rimasti, visto che non sono capaci di restare un pochino aggregati ed il comune non è capace di reggere le fila, anzi ha fatto di tutto per divederli. Costoro vengono a vendere i loro prodotti a km zero. Ma questo è un altro discorso).

Questa occasione ha dimostrato chiaramente che Paliano ha un sindaco che non ha lungimiranza politica, cosa che invece dovrebbe avere un primo cittadino. Abbiamo visto in lui, nonostante la presenza di tanti personaggi venuti ad affiancare il Vescovo Sigalini il giorno dell’inaugurazione della Porta, tanta tristezza e il suo intervento, che pure era stato scritto in precedenza, è stato letto con molto imbarazzo. Perché, a nostro modesto avviso, ha realizzato quando stava sul palco la perfetta organizzazione messa in campo dai privati, il comune non ha fornito neanche le 100 sedie in suo possesso che servivano alla gente, ha mandato solamente quelle occorrenti per la banda. Insomma, il sindaco non ha capito che o si collabora pienamente con i privati, che poi sono coloro che si debbono ringraziare anche perché l’altro proprietario Sig. Schina ha fatto sistemare a proprie spese il piazzale antistante l’ingresso della porta. Avete capito bene il Comune non ha mandato neanche le sedie per far sedere i vecchi di Paliano, ma ci rendiamo conto? Questi sono fatti e non chiacchiere. Il Prefetto ha chiesto fatti non chiacchiere ne bruscolini. Ma dei "bruscolini" ovvero i 60.000 euro inviati dall'assessore Buschini, ne parleremo sicuramente altre volte approfondendo il tema con l'analisi della delibera regionale.

Inoltre, ci chiediamo quando saranno nominati gli altri tre membri della commissione che dovrà gestire la Selva e quindi i 60 mila euro (i bruscolini di Buschini)?Questi sono discorsi che vedremo in futuro e sui quali incalzeremo il Sindaco e la Regione Lazio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Servizio Giancarlo Flavi. Foto Filippo Rondinara

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento