Nord CiociariaToday

Paliano, sul parcheggio dell'Hotel Poggio Romano il sindaco non risponde, i funzionari lo inguaiano

Il nostro amico selfiemaniaco Sindaco Alfieri chi? È diventato il novello Ponzio Pilato. Evita di rispondere alle interrogazioni dei consiglieri di minoranza e le altre risposte le fa dare dai funzionari che hanno finito di inguaiarlo ancor di più...

Parcheggio palianello

Il nostro amico selfiemaniaco Sindaco Alfieri chi? È diventato il novello Ponzio Pilato. Evita di rispondere alle interrogazioni dei consiglieri di minoranza e le altre risposte le fa dare dai funzionari che hanno finito di inguaiarlo ancor di più.

Ma andiamo con ordine. Il Consigliere Maurizio Sturvi oltre un mese fa presentò un’interrogazione con tre punti riguardo il Piazzale antistante l’Hotel Poggio Romano, che lo stesso comune ha dato in gestione con tanto di pertinenze al seguito. Orbene cosa scrisse Sturvi: Com’è stato possibile rilasciare il permesso di costruire alla ditta ..omiss…la quale già in corso di istruttoria aveva la propria residenza nell’immobile in oggetto? Questa la risposta del tecnico Comunale: “Con nota del 12.03.2015 avente prot. 2956 il responsabile del servizio comunicava alla ditta… omiss…la fattibilità della pratica, sottoponendola però ad una serie di condizioni tra le quali: “ idoneo atto notorio attestante che il fabbricato abbia esclusiva destinazione d’uso ad attività ricettiva e non sia sede di residenza, dalla dichiarazione presentata dalla stessa rinvenuta in atti, non solo si evince che quest’ultima aveva ed ha la residenza in via Tor San Francesco n. 8 (come certificato oltre tutto dal responsabile dei servizi generali), già questo di per sé sufficiente a produrre il mancato accoglimento della istanza, ma ciò va aggiunto inoltre che la ditta ..omissis dichiarava che “ la destinazione d’uso prevalente del fabbricato è di tipo ricettivo conforme alla I.r 16/2008 art.2…)

Altra domanda posta da Sturvi era: “Ad oggi è stata rilasciata apposita licenza per l’attività di casa vacanze dagli uffici competenti? Questa la risposta dopo aver richiamato il regolamento regionale n. 16/2008 e pertanto il responsabile comunale avrebbe dovuto prendere in considerazione anche il regolamento dove all’art. 7 comma 1 recita espressamente: “ Le case e gli appartamenti per vacanze sono strutture costruite da immobili arredati da destinare all’affitto dei turisti e all’interno delle quali non possono esservi persone residenti ne domiciliate. Tali strutture sono prive sia di servizi centralizzati che di somministrazione di alimenti e bevande e sono ubicate nello stesso territorio comunale. In ultima analisi, un elemento di estrema importanza, si ricava dalla risposta fornita dal responsabile dei servizi generali, il quale dichiarare che alla data del 28.02.2017 nessuna scia è stata presentata al SUAP in ordine ad attività casa vacanze o similari per l’indirizzo corrispondente a via Tor San Francesco”.

Tutta una presa per i fondelli chiaramente. Il consigliere Sturvi, il quale ovviamente non si è dichiarato soddisfatto ed è stato costretto a presentare una nuova interrogazione per il terzo punto. Questa la domanda riproposta: “E’ intenzione dell’amministrazione comunale effettuare le opportune verifiche a seguito delle presenti segnalazioni e quali iniziative intende intraprendere? Omissione di risposta. E’ ovvio che il Consigliere Sturvi ha riproposto il quesito visto anche le risposte dei tecnici già dal 2 Marzo scorso che lo hanno inguaiato di brutto. Adesso il sindaco ha 18 giorni per rispondere e per evitare il reato di omissione d’atto d’ufficio. Sarà capace di intervenire questa volta?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giancarlo Flavi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento