rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Nord Ciociaria

Pastena, i briganti come non li avete mai visti nella manifestazione de “la Frontiera”

A Pastena grazie al lavoro sostenuto dall’associazione “La Frontiera” verrà ricordato nei prossimi 21 e 22 agosto il fenomeno del brigantaggio, un periodo storico contraddittorio e ancora offuscato da troppe ombre e da analisi sociologiche...

A Pastena grazie al lavoro sostenuto dall?associazione ?La Frontiera? verrà ricordato nei prossimi 21 e 22 agosto il fenomeno del brigantaggio, un periodo storico contraddittorio e ancora offuscato da troppe ombre e da analisi sociologiche controverse.

L?associazione parte da un elemento locale importante e contrassegnato dalla linea di confine tra Stato Pontificio e Regno Borbonico e dai tanti racconti che descrivono le vicende e i fatti strettamente legati a quella lotta tra un popolo povero e affamato e le truppe di un esercito comandato a soffocare la rivolta e a garantire l?unità di una nazione economicamente disagiata e culturalmente disaggregata

frontiera 2

Prevale in questo sguardo sul passato una forte solidarietà per la gente comune, pastori e contadini che indomiti coltivavano queste terre spesso aride e avare e che subivano passivamente i cambiamenti storici perché inadatti culturalmente a tutelare i propri interessi e incapaci a dar voce alle loro richieste e a rivendicare i loro diritti.

Da questo contesto probabilmente nasce la violenza contro un esercito considerato straniero ed invasore e che del resto aveva direttive precise e perentorie che non consentivano patteggiamenti, atti di clemenza o gesti di tolleranza.

Per tali ragioni nelle serate vengono rievocati con canti e balli i suoni e i ritmi dell?epoca post-unitaria e si tenta di materializzare il sentimento di sofferenza e di oppressione che da sempre ha accompagnato le generazioni del sud e ha emarginato non solo socialmente la gente del meridione.

Analfabetismo e povertà sono stati i primi due baluardi contro i quali hanno dovuto lottare per anni i giovani del mezzogiorno d?Italia.

Tuttavia il primato della disoccupazione con redditi pro-capite ai minimi storici che ancora permane in queste terre e la qualità della vita che ne sancisce l?arretratezza endemica , riportano in auge il ruolo dei briganti e obbligano a considerare senza pregiudizi e senza ostilità quel periodo successivo all?unità d?Italia quando le nostre terre furono teatro di lotte feroci, di battaglie sanguinarie, di retate e di fucilazioni di massa.

frontiera 3

La storiografia ufficiale ha sempre salvaguardato la ?ragion di Stato? e la folla dei ribelli è stata relegata all?ultimo posto senza considerazione, senza compassione e senza pietà.

I briganti, sono stati sempre gli ultimi, definiti violenti e brutali, senza speranza e senza futuro.

L?associazione ?la Frontiera? con i suoi leader indiscussi Massimo Zomparelli e Vincenzo Roma, promuove questo evento, in località Fontane delle Cavatelle , nei pressi delle Grotte di Pastena, proprio per rivendicare una giustizia postuma e per riconsiderare un periodo storico plasmato dal potere centrale e da una storiografia ufficiale, impietosa e asettica nei riguardi delle nostre popolazioni.

Arturo Gnesi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pastena, i briganti come non li avete mai visti nella manifestazione de “la Frontiera”

FrosinoneToday è in caricamento