Nord Ciociaria

Pastena, il sindaco Gnesi rinuncia al rimborso per la cultura della solidarietà

Importante gesto di amore e solidarietà al paese del sindaco Dott. Arturo Gnesi, che ha rinunciato all’identità ed ai rimborsi spesa per metterli a disposizione di iniziative culturali che promuovono i valori della solidarietà.

Importante gesto di amore e solidarietà al paese del sindaco Dott. Arturo Gnesi, che ha rinunciato all'identità ed ai rimborsi spesa per metterli a disposizione di iniziative culturali che promuovono i valori della solidarietà.

Così ha scritto a tutti i Consiglieri Comunali il primo cittadino, i quali hanno dovuto prenderne atto, nell'ultimo Consiglio Comunale.

"benché non ci sia alcun obbligo formale che disponga la rinuncia alle indennità di carica e benché ho sempre evitato, salvo rare eccezioni, di richiedere i rimborsi per le spese sostenute per gli innumerevoli spostamenti istituzionali, ritengo eticamente doveroso e corretto mettere a disposizione dei bisogni della nostra collettività tutta la mia retribuzione amministrativa.

E' sicuramente una goccia d'acqua in questa lunga traversata del deserto che costringe molti nostri concittadini a sacrifici, sofferenze, rinunce e privazioni.

Un momento difficile che condiziona la serenità e il benessere di tante famiglie colpendo sia i giovani alla ricerca spasmodica di un posto di lavoro e sia le persone mature che dopo decenni di lavoro in fabbrica vengono avviati alla cassa integrazione, alla mobilità o persino licenziati.

Sguardi che chiedono aiuto e silenzi che esprimono il disagio e la fatica quotidiana per non poter garantire ai figli il futuro sperato o addirittura di non poter concedere il minimo per una vita dignitosa e serena.

Stiamo mettendo a disposizione della nostra popolazione tutto quanto è possibile in questo periodo caratterizzato da una profonda crisi economica che blocca lo sviluppo dell'intera nazione e condiziona il mantenimento di un adeguato livello degli stessi servizi essenziali inerenti la tutela della salute, il diritto allo studio, la sicurezza sociale, il diritto alla casa e al lavoro.

Consapevoli di questo drammatico momento storico nel quale la gente esprime sempre più sfiducia nei confronti della pubbliche amministrazione e rabbia nei riguardi della politica e dei suoi esponenti istituzionali, abbiamo tenuto sotto controllo la spesa del nostro Ente che benché dissestato dal punto di vista finanziario, e non solo, non ha provveduto ad innalzare le tasse.

Questo mio semplice gesto potrà servire a sostenere, mediante la costituzione di un fondo sociale, quelle situazioni familiari o personali di disagio o di emarginazione sociale per incoraggiare chi cade nello sconforto morale e nell'assoluta incapienza economica.

Dal primo giugno p.v. e fino a termine del mandato queste somme saranno- conclude il Sindaco- a disposizione anche in minima parte per quelle iniziative culturali che promuoveranno i valori della solidarietà, della giustizia e della pace sociale". Perché Lo ha fatto gli abbiamo chiesto:

"L'ho fatto per rispetto della mia gente e perché, essere per un periodo della vita, sindaco del mio paese, è aldilà delle incomprensioni e delle malignità, una soddisfazione impagabile. Per evitare le strumentalizzazioni pre-elettorali ho evitato di comunicarlo nei giorni passati". Ci ha scritto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pastena, il sindaco Gnesi rinuncia al rimborso per la cultura della solidarietà

FrosinoneToday è in caricamento