menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Patrica  Stefano Belli

Patrica Stefano Belli

Patrica, Stefano Belli: «Parco dei Lepini? No, grazie. Creerebbe solo nuovi vincoli»

«Il Parco dei Monti Lepini? No, grazie» Il candidato a sindaco Stefano Belli esprime il suo netto e deciso dissenso a questa ipotesi e si schiera, in maniera  convinta, a favore dei cacciatori e degli agricoltori di Monte Cacume.  

«Il Parco dei Monti Lepini? No, grazie» Il candidato a sindaco Stefano Belli esprime il suo netto e deciso dissenso a questa ipotesi e si schiera, in maniera convinta, a favore dei cacciatori e degli agricoltori di Monte Cacume.

«Respingo l'ipotesi del Parco - aggiunge Stefano Belli - perché è un'altra beffa ai danni dei cittadini, voluta dalle segreterie dei partiti che vogliono impadronirsi del nostro territorio. Monte Cacume, in particolare, deve assolutamente restare un luogo naturale così come è oggi»

In verità la proposta di legge regionale sull'istituzione del Parco dei Monti Lepini divide i sindaci dei comuni ciociari interessati vale a dire Sgurgola, Morolo, Supino e Giuliano di Roma.

La proposta regionale prevede che il Parco sia di 22100,59 ettari di cui il 27,29% in Ciociaria.

Stefano Belli, invece, schierandosi apertamente a favore dei cacciatori spiega: «Il Parco non lo Vogliamo perché introduce troppi vincoli, rovina l'aspetto naturale del nostro comune. Qui si va ad interferire nei terreni privati e nelle abitazioni, non possiamo permettere che ciò avvenga. Se necessario, non esiterò un attimo a dar vita ad una raccolta di firme per fermare questo scempio».

Poi Belli aggiunge: « A questo punto rivolgerei una domanda ai rappresentanti della lista "Patrica nel cuore" per conoscere le loro intenzioni e se approveranno tale progetto. Ai cittadini, infatti, non sfugge la circostanza per la quale c'e qualche candidato consigliere ( Angelo Gatti, ad esempio) iscritto al Cai . E come ben sanno i cittadini, il Cai è pienamente schierato in favore del Parco. Lo stesso Gatti, tra l'altro, è cacciatore. Ribadisco, infine il mio "No" , come dissi anche nel lontano 1994 quando ero consigliere di minoranza al Comune. Sono certo che i cittadini di Patrica hanno gli occhi aperti per evitare un altro scempio che, invece,vogliono fare sul nostro territorio i partiti politici Regionali».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento