Nord CiociariaToday

Piglio, donate nel 2016 in tre volte 283 unità di sangue dal gruppo donatori di sangue

Il Direttivo del gruppo donatori di sangue di Piglio, presieduto da Gianni Pizzale, fa presente che nell’anno 2016 ha promosso 3 donazioni nelle quali sono state donate 283 unità di sangue intero; altre 24 donazioni sono state fatte presso il...

il-presidente-pizzali-e-antonio-tufi-3

Il Direttivo del gruppo donatori di sangue di Piglio, presieduto da Gianni Pizzale, fa presente che nell’anno 2016 ha promosso 3 donazioni nelle quali sono state donate 283 unità di sangue intero; altre 24 donazioni sono state fatte presso il centro trasfusionale dell'Ospedale Pediatrico del Bambino Gesù, delle quali 10 in aferesi per donare le piastrine, il tutto per un totale di n° 307 flaconi di sangue. Non solo. Il gruppo ha avuto anche la richiesta di 8 donatori per l’assistenza dei loro familiari per trasfusioni e interventi chirurgici.

Con la partecipazione di tanti -dice soddisfatto il presidente Pizzale- siamo riusciti ad essere una presenza nel sistema Sanitario Regionale, grazie a tutti i donatori, ai soci sostenitori e a quanti contribuiscono alla buona riuscita delle donazioni a cominciare dalla B.C.C. di Paliano e dall’Amministrazione comunale di Piglio per la loro presenza e disponibilità.

Le prossime donazioni sono state programmate nell’Anno 2017 per Domenica 12 Febbraio, per Domenica 6 Agosto, intervallate queste due con una donazione straordinaria nel mese di Luglio.

Il gruppo donatori di sangue di Piglio collabora con il Centro trasfusionale dell’Ospedale Pediatrico del Bambino Gesù con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita di chi si avvale dell’operato dei numerosissimi donatori pigliesi.Il nostro impegno -ha dichiarato Pizzale- è quello di stimolare la donazione di sangue tra i pigliesi invitando tutte le persone a donarlo almeno una volta l’anno a favore dei malati bisognosi, creando nei giovani una coscienza trasfusionale per sopperire alla sempre maggiore richiesta di questa linfa vitale, conseguente al progresso della scienza medica e della tecnica che ha consentito il trapianto di organi. In realtà si vuole che il giovane pigliese acquisisca la coscienza dei problemi generali connessi alla trasfusione di sangue e si renda conto della funzione del donatore periodico selezionato e controllato, da considerarsi un vero operatore sanitario”.

Il paese di Piglio è orgoglioso di annoverare tra i suoi cittadini un gruppo così numeroso che si presta a fornire atti così encomiabili, di solidarietà e di senso civico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il gruppo, nato il 1° Ottobre 1995 ha già effettuato nei primi ventuno anni di vita oltre quattromilacinquecento flaconi di sangue raccolti in 46 donazioni ed è un fatto davvero straordinario e molto generoso mostrandosi sempre presente laddove le necessità lo richiedono.

Per essere un donatore di sangue occorre avere buona salute e almeno 18 anni, pesare almeno 50 chili e non avere sofferto di malattie importanti (ad esempio affezioni cardiovascolari, ulcera gastroduodenale). In ogni caso il colloquio con il medico e appositi esami di laboratorio verificheranno l’idoneità alla donazione dice il presidente Pizzale. Le donne in età fertile possono donare il sangue due volte all’anno, non debbono farlo durante le mestruazioni o la gravidanza e per un anno dopo il parto. Per legge, il lavoratore dipendente ha diritto ad una giornata di riposo ed alla corresponsione della normale retribuzione, in concomitanza con la donazione. Sono esclusi dalla donazione, conclude Pizzale, chi assume droghe, chi ha un comportamento sessuale a rischio per l’Aids ed altre patologie trasmissibili, chi ha malattie croniche, cardiopatie, positività per vari test (sifilide, epatite B, epatite C, HIV), epatite virali. Il tutto per evitare di diffondere infezioni attraverso il sangue donato.

In cambio, peraltro, si ottiene l’esame completo e gratuito del sangue, oltre alla consapevolezza di aver fatto un bel gesto di civiltà. Giorgio Alessandro Pacetti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento