Nord CiociariaToday

Piglio, grande partecipazione alla Via Crucis della Misericordia sulle orme di San Giovanni Paolo II con l’Uinitalsi di Anagni-Alatri.

Grande partecuipazione, nonostante l'inclemenza del tempo , per la via Crucis della Misericordia.  L’incontro di preghiera si è tenuto Venerdì 15 Luglio 2015 alle ore 21,00 con una fiaccolata, guidata da Don Gianni Toni assistente regionale...

Il Cartello di Karol Woytjla

Grande partecuipazione, nonostante l'inclemenza del tempo , per la via Crucis della Misericordia. L’incontro di preghiera si è tenuto Venerdì 15 Luglio 2015 alle ore 21,00 con una fiaccolata, guidata da Don Gianni Toni assistente regionale Utitalsi, alla presenza del parroco Don Gianni, di P. Fucà, di Don Martufi, dei sindaci di Piglio e di Acuto e delle comunità di Piglio e dei paesi limitrofi, presso il percorso contemplativo “Giovanni Paolo II”, nella località Santo Biagio dove tre anni fa sono state installate le 15 Stazioni con le sacre immagini della Via Crucis in ferro battuto, dalle dimensioni 3 metri x 3, realizzate dallo scultore Adamo Dell’Orco, grazie alle generose offerte della popolazione facente parte del circondario di Piglio, degli Altipiani di Arcinazzo, di Trevi nel Lazio, di Jenne e di Arcinazzo Romano. San Giovanni Paolo II, un anno prima della sua commovente scomparsa terrena, aveva dato testimonianza vivente dei suoi legami con le bellezze naturali, scegliendo un angolo sconosciuto di Piglio per pregare intensamente in una tenda e per contemplare le bellezze della natura, in attesa di salire alla gloria di Dio. Si è pregato anche per le vittime di Nizza e dell’ incidente ferroviario di Puglia. Il percorso contemplativo che si sviluppa in un luogo ameno e suggestivo a ridosso di un laghetto richiama ogni giorno numerosi fedeli non solo di Piglio ma anche dei paesi limitrofi per rendere omaggio ad una persona con la quale la gran parte di noi è cresciuta e che ha contribuito alla pace attraverso il dialogo con altre Religioni. La statua e le due stele in onore del Papa Giovanni Paolo II hanno suggellato a Piglio ed in ciociaria la grande passione per la montagna del Papa polacco, il più grande viaggiatore, in ogni angolo del mondo, che la Chiesa cattolica ha finora avuto.

Giorgio Alessandro Pacetti
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento