Nord CiociariaToday

Piglio, Il patron Raffaello Ceccaroni si dimette. Luci ed ombre nello sport

Nuvole di tempesta si addensano sul futuro della SSD PIGLIO AFFILE. La squadra SSD PIGLIO AFFILE che ha militato onorevolmente nel campionato di Prima Categoria Girone H  (2016-2017) è costretta dagli eventi a ridimensionare drasticamente la sua...

Nuvole di tempesta si addensano sul futuro della SSD PIGLIO AFFILE. La squadra SSD PIGLIO AFFILE che ha militato onorevolmente nel campionato di Prima Categoria Girone H (2016-2017) è costretta dagli eventi a ridimensionare drasticamente la sua attività. Il presidente Raffaello Ceccaroni ha annunciato di voler abbandonare definitivamente la sua partecipazione nella attività della squadra.

Non ci sono più le condizioni per andare avanti.

Causa prima della sua disaffezione sono: le enormi spese che ciò comporta a sostenere un campionato in quanto i costi sono aumentati di molto anche per giocare nel campo di casa; la scarsa partecipazione dei tifosi che si è andata diradando sempre più; meno introiti degli abbonamenti e degli sponsor

Per cui il futuro della SSD PIGLIO AFFILE che ha svolto per cinquanta anni sotto il nome di “S.S.Piglio” e successivamente “Polisportiva Piglio” per fusione con la “SS Piglio” dal 1967 al 2017 i dignitosi campionati di Terza, Seconda, Prima Categoria e Promozione, vedrà la cessione del titolo e la vendita dei giocatori.

Per evitare che questo non avvenga resta che sperare che l’Amministrazione Comunale capeggiata dall’Avv. Mario Felli, la tifoseria locale tornino a stringersi compatta intorno alla società apportando quel sollievo economico che permetta ai generosi dirigenti di continuare.

PIGLIO: A PIGLIO TERMINA ANCHE LO SPORT?

Dopo le dimissioni di Raffaello Ceccaroni, Presidente della società sportiva SSPiglio-Affile seguono ora anche quelle dei dirigenti Mapponi, Bruni e Veglianti i quali amaramente ci hanno dichiarato:

Siamo stati abbandonati al nostro destino ed é mancato sia l’appoggio pratico che quello umano di tutti ed è proprio per questo che ci hanno fatto veramente riflettere.

Al contrario, invece, tutti ci hanno criticato e hanno puntato il dito contro la squadra, la dirigenza, l’allenatore e nessuno ci ha fatto i complimenti per il raggiungimento di una salvezza che sa di un vero MIRACOLO.

Siamo invece orgogliosi di quanto abbiamo fatto per il bene del Paese, e non siamo per niente sorpresi delle dimissioni del nostro Presidente Ceccaroni, che, purtroppo, erano da tempo nell'aria. Abbiamo fatto sacrifici enormi sotto molti punti di vista e siamo arrivati stanchi e demotivati per tale situazione.

Ci dispiace però perchè quello che avevamo messo in cantiere era un progetto alquanto ambizioso voluto fortemente da tutti noi per riportare il Calcio nel nostro Paese.

Lo scorso anno invece, con l’appoggio di tutti, abbiamo stravinto un Campionato di Terza Categoria, e per dare maggiori visibilità sportiva sia al Paese e sia ad alcuni ragazzi che sono veramente promettenti abbiamo acquistato dall’Affile il titolo di Prima Categoria.

C’è, però, in noi rammarico, quello di aver dato “TANTO” ed aver ricevuto “POCO”.

Il Calcio, per chi non lo sapesse, è fatto di programmazione, di serietà e di chiarezza, e non di chiacchiere da Bar, ed è per questo che ringraziamo il nostro Presidente per tutto il lavoro svolto e siamo nel totale appoggio sulle sue dimissioni”.

Giorgio Alessandro Pacetti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento