menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Altare Maggiore Collegiata Santa Maria Foto 1

Altare Maggiore Collegiata Santa Maria Foto 1

Piglio, Padre Di Giorgio ricorderà la dedica della Chiesa e dell’altare di Santa Maria Assunta

Il documento originale più antico, conservato nell’archivio parrocchiale e consistente in una piccola pergamena, attesta che il 24 Settembre 1586 la chiesa e l’altare della Collegiata Santa Maria Assunta furono consacrati per mano del vescovo...

Il documento originale più antico, conservato nell'archivio parrocchiale e consistente in una piccola pergamena, attesta che il 24 Settembre 1586 la chiesa e l'altare della Collegiata Santa Maria Assunta furono consacrati per mano del vescovo Gaspare Viviani.

Questo altare (come da foto n° 1) è stato poi demolito in quanto la Collegiata nel Febbraio 2000 è stata interessata da imponenti lavori di ristrutturazione interna con un contributo straordinario delle famiglie di Piglio, a cominciare dall'abbattimento degli altari laterali siti nelle due navate, dalla realizzazione di una nuova pavimentazione in marmo, dalla nuova installazione degli impianti elettrico e di riscaldamento a pavimento, dalla messa in opera di un nuovo altare in pietra, (come da foto 2), dall'installazione di un nuovo fonte battesimale ed alla sistemazione della sagrestia con nuovi mobili al posto di quelli esistenti del '600.

A distanza di 428 anni sarà il vice parroco e Rettore della chiesa di San Lorenzo P. Angelo Di Giorgio a ricordarlo ai fedeli, questo anniversario con una Santa Messa che si terrà Mercoledì 24 Settembre alle ore 17,30 alla Collegiata Santa Maria.

Foto 2 il nuovo altare dopo il restauro della Collegiata

Giorgio Alessandro Pacetti
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento