Nord CiociariaToday

Piglio, rimesso in liberta con divieto di dimora l’arrestato autore di sequestro di persona

Il 32enne arrestato nella mattinata di ieri dai militari della Stazione di Piglio, poiché responsabile di sequestro di persona, nel corso del processo con rito direttissimo è stato rimesso in libertà con divieto di dimora nel comune di Piglio...

Piglio carabinieri che hanno proceduto all'arresto

Il 32enne arrestato nella mattinata di ieri dai militari della Stazione di Piglio, poiché responsabile di sequestro di persona, nel corso del processo con rito direttissimo è stato rimesso in libertà con divieto di dimora nel comune di Piglio, dopo che l’avvocato di fiducia aveva richiesto ed ottenuto i “termini a difesa” con fissazione di una nuova udienza.

L’uomo, residente a Roma, non è nuovo a tali episodi, infatti, nella stessa abitazione all’interno della quale è stato consumato il reato di cui sopra e della quale egli ha la materiale disponibilità, anche nell’ottobre 2015 si rendeva protagonista di un fatto analogo: nella circostanza il 32enne, dopo aver conosciuto una ragazza tramite un social network, la convinceva ad accompagnarlo a Piglio dove la costringeva ad avere diversi rapporti sessuali. Per tale vicenda risulta indagato per lesioni aggravate, violenza sessuale e sequestro di persona dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone.

Nella mattinata di ieri, la vicenda si è pressoché ripetuta, infatti, dopo aver trascorso la serata in un ristorante di Piglio, così come aveva fatto nell’ottobre 2015, invitava la ragazza a recarsi presso la sua vicina abitazione laddove chiedeva esplicitamente di avere un rapporto sessuale. Nonostante la sua ospite avesse reiteratamente rifiutato di aderire alla sua richiesta, egli chiudeva a chiave la porta d’ingresso impedendole di andare via. Dopo diverse ore, durante le quali la ragazza chiedeva aiuto urlando, approfittando di un momento di distrazione del suo aguzzino, questa riusciva a chiedere aiuto tramite il numero di emergenza 112.

In seguito a detta telefonata, il Comandante della Stazione di Piglio Maresciallo Serpico immediatamente allertato dalla Centrale Operativa, avendo compreso che poteva trattarsi di una vicenda simile a quella già verificatasi in passato e coadiuvato da un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Anagni, si portava immediatamente sul posto ove dall’esterno si potevano udire le forti urla della ragazza.

Dopo aver richiesto, invano, che venisse aperta la porta d’ingresso e temendo per l’incolumità della giovane i militari sfondavano la porta facendo irruzione nell’abitazione dove soccorrevano la ragazza e bloccavano l’uomo.

Importanti, nella circostanza, sono state le testimonianze fornite dalle persone residenti in prossimità dell’abitazione che, nel corso delle indagini, hanno permesso di qualificare compiutamente i reati commessi dall’arrestato.

PICO- PONTECORVO , DENUNCIATO GIOVANE 20ENNE PER RICETTAZIONE

nella giornata di ieri, il personale della Compagnia ha proceduto a:

- in Pico, i Carabinieri della locale Stazione, hanno denunciato in stato di libertà un 20enne residente nella provincia di Caserta, per ricettazione.

Gli accertamenti effettuati dai militari operanti a seguito di una denuncia di furto sporta nell’agosto 2016, hanno consentito l’identificazione del 20enne quale ricettatore di un telefono cellulare.

- in Pontecorvo, i militari del NORM, nel contesto delle attività finalizzate al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno segnalato una 31enne di Esperia per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale.

La predetta, a seguito di ispezione veicolare effettuata dai militari operanti, è stata trovata in possesso di gr.4 di sostanza stupefacente tipo marjuana, sottoposta a sequestro

- in Pontecorvo, i militari della locale Stazione, hanno denunciato in stato di libertà una 73enne del luogo, ritenuta responsabile del reato di furto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini svolte dai militari operanti hanno consentito di accertare che la prevenuta, il giorno precedente aveva asportato un telefono cellulare all’interno di un esercizio commerciale del luogo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento