Nord Ciociaria

Regione, Camere di Commercio; Abbruzzese (fi): soddisfazione per approvazione all'unanimità mozione per modifica decreto di riordino

"Esprimo la mia piena soddisfazione per l'approvazione della proposta di mozione, di cui sono cofirmatario, inerente la modifica dello schema di decreto di riordino delle Camere di Commercio, in un ottica di garanzia e tutela delle realtà...

"Esprimo la mia piena soddisfazione per l'approvazione della proposta di mozione, di cui sono cofirmatario, inerente la modifica dello schema di decreto di riordino delle Camere di Commercio, in un ottica di garanzia e tutela delle realtà imprenditoriali dei singoli territori". Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, consigliere regionale di Forza Italia del Lazio e presidente della Commissione Speciale Riforme Istituzionali a margine della seduta odierna del Consiglio regionale.

> "Il provvedimento impegna il presidente della Regione Lazio ad attivarsi presso la Conferenza unificata e il Parlamento, affinché, nella fase di acquisizione dei pareri preliminari all'adozione definitiva del decreto, i contenuti del richiamato schema di decreto siano declinati in coerenza con i termini, i principi e i criteri direttivi contenuti nell'art. 10 della L. n. 124/2015, con particolare riferimento: al rischio di depotenziamento delle funzioni delle Camere di commercio, in modo da garantirne l'autonomia funzionale sancita dall'art. 1 della L. n. 580/1993 e s.m.i., per il perseguimento delle fondamentali azioni di supporto e assistenza alle imprese e allo sviluppo delle economie dei territori; alla necessità di scongiurare, nel processo di riduzione delle Camere, i rischi di desertificazione istituzionale dei territori e di compromissione dell'integrità territoriale, salvaguardando la presenza di un numero di Camere adeguatamente commisurato al contributo della regione Lazio alla crescita e al benessere del Paese; alla tutela delle professionalità del personale delle Camere di commercio, per il mantenimento dei livelli occupazionali del Sistema camerale, così come previsto dalla Legge delega;

Inoltre impegna Zingaretti ad attivarsi presso i medesimi interlocutori istituzionali e presso il Governo, mediante la modifica dello schema di decreto, affinché sia garantito un coinvolgimento delle Regioni nel processo di riordino delle Camere di commercio del territorio di competenza, con particolare riferimento agli accorpamenti, in modo da assicurare un adeguato presidio istituzionale del territorio e l'integrità del medesimo.

Nel Lazio operano oltre 730.000 tra sedi d'impresa e unità locali produttive (oltre il 10% su base nazionale) e la regione risulta la seconda in Italia per numero di imprese, popolazione residente e PIL. Tali condizioni impongono un necessario presidio del territorio da parte delle Istituzioni, incluso il Sistema camerale, che rappresenta il naturale interlocutore delle imprese, capace di assicurare un adeguato supporto ai bisogni ed alle istanze delle PMI". Ha concluso Abbruzzese.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, Camere di Commercio; Abbruzzese (fi): soddisfazione per approvazione all'unanimità mozione per modifica decreto di riordino

FrosinoneToday è in caricamento