Nord CiociariaToday

Regione, olimpiadi: La Pisana si esprime a favore di candidatura Roma

Passa a maggioranza un ordine del giorno trasversale. Contrario il Movimento 5 stelle

Passa a maggioranza un ordine del giorno trasversale. Contrario il Movimento 5 stelle

Con l’approvazione, a maggioranza, di un ordine del giorno a sostegno della candidatura di Roma in vista dei giochi olimpici del 2024, si è conclusa la seduta straordinaria del Consiglio regionale del Lazio richiesta il 22 settembre scorso dal consigliere Antonello Aurigemma (FI) e altri consiglieri di centrodestra.

L’atto di indirizzo votato oggi è stato presentato dal capogruppo del Pd Massimiliano Valeriani e sottoscritto da sedici esponenti sia di maggioranza che di opposizione. Nello specifico, impegna il presidente della Regione Nicola Zingaretti “a farsi parte attiva nei confronti del sindaco di Roma Capitale nel perorare la conferma della candidatura della città di Roma a ospitare i giochi olimpici e paralimpici del 2024 per garantire l’interesse dei cittadini romani e italiani a poter usufruire di una simile opportunità economica e culturale”.

Bocciato un ordine del giorno presentato dai rappresentanti del Movimento 5 stelle teso a favorire un’intesa con il governo per sbloccare fondi statali e comunitari da destinare alla città di Roma “prendendo anche in considerazione le risorse eventualmente riferibili ai risparmi derivati a fronte della mancata candidatura”. In apertura dei lavori, in rappresentanza della Giunta, il vicepresidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio, ha relazionato sui passi compiuti dall’Ente a supporto e sostegno del dossier olimpico. “Abbiamo fatto tutto quanto in nostro potere, come è avvenuto per il Giubileo o per la Ryder Cup, immaginando un contesto di rigenerazione urbana rispetto agli impianti sportivi da rendere disponibili agli atleti prima, alla popolazione poi. Tutto nell’ottica di un consumo di nuovo suolo pari a zero”, ha specificato. Numerosi gli interventi dei consiglieri nel corso del dibattito. Michele Baldi (Lista Zingaretti) ha evidenziato i valori sociali e le opportunità di sviluppo di una Olimpiade. Anche Giancarlo Righini (FdI) ha voluto elencare i vantaggi derivanti dalla designazione a sede olimpica, ribadendo che i costi maggiori restano in questi casi in capo al Comitato olimpico internazionale e non alla collettività. Il suo collega di partito Fabrizio Santori ha denunciato la mancata partecipazione dei Municipi alla discussione sulla candidatura, “anche in quelli a guida Pd”. Gino De Paolis ha quindi inteso ribadire il pieno sostegno di Si-Sel, a tutti i livelli istituzionali, rispetto alla sostenibilità della candidatura di Roma e della nazione. Il vicepresidente del Consiglio Francesco Storace (La Destra) ha poi criticato il “diktat” dei vertici nazionali del Movimento 5 Stelle che, a suo giudizio, hanno fortemente influenzato l’atteggiamento negativo ai giochi assunto dai rappresentanti del Comune di Roma. Per l’altro vicepresidente Mario Ciarla (Pd) “il sindaco di Roma si è comportata più da portavoce del Movimento che da primo cittadino”. Olimpia Tarzia (Lista Storace) ha ricordato come Virginia Raggi, in campagna elettorale, avesse promesso un referendum sull’opportunità della candidatura, sottolineando che le varie competizioni si sarebbero svolte in varie località d’Italia, con precise garanzie economiche da parte dello Stato centrale. Pietro Sbardella (Misto), pur esprimendosi a favore dei giochi, ha contestato tuttavia la tempistica con cui è stata convocata la seduta straordinaria sulle Olimpiadi. “Troppo tardi rispetto alle scadenze”, ha spiegato, criticando anche Zingaretti per la sua mancata presenza in aula. Giuseppe Cangemi (Cuoritaliani) ha stigmatizzato a sua volta l’assenza degli assessori regionali. “È mortificante che la Giunta snobbi dibattiti di primaria importanza, così come è contraddittorio che il Partito Democratico oggi sia favorevole alla candidatura, quando in occasione della decisione per l’edizione del 2020 l’orientamento era di tutt’altro tenore”. Il suo collega di partito Fabio De Lillo ha espresso l’auspicio che le determinazioni assunte dalla Pisana siano in grado di incidere sul dibattito consiliare in programma in Campidoglio. La contrarietà alla candidatura di Roma è stata ribadita e argomentata dal capogruppo del Movimento 5 stelle, Devid Porrello. “È sempre stato chiaro a tutti che se avessimo vinto le elezioni comunali sarebbe tramontata l’ipotesi di ospitare a Roma le Olimpiadi del 2024. Ce ne assumiamo le responsabilità - ha aggiunto - convinti che sia troppo rischioso per la nostra città e la nostra comunità organizzare un evento di tale portata, soprattutto sulla scorta delle esperienze negative delle ultime edizioni in altre nazioni e metropoli per molti versi simili alla nostra”. Dai banchi dello stesso gruppo Valentina Corrado ha quindi elencato le perdite accumulate da alcune sedi olimpiche del recente passato, rammentando all’Aula “i ritardi e gli sprechi avvenuti nel Lazio in occasione dei campionati mondiali di nuoto” nonché “i timori dell’allora premier Monti per le finanze nazionali quando si parlava dei giochi del 2020”. Per Silvia Blasi (M5s) la seduta straordinaria alla Pisana rappresenta “solo una vetrina, un segnale dato a qualche finanziatore di campagne elettorali” Critiche al Movimento, in chiusura di dibattito, da parte di Massimiliano Valeriani (Pd): “Mi sarei aspettato la forza e il coraggio di condizionare la nostra discussione con un intervento di apertura che avesse dato sostanza, fornendo motivazioni, dati, contributi, rispetto alla decisione preannunciata dal Campidoglio, guidato da vostri esponenti. Così non è stato”. Luca Malcotti (Cuoritaliani) ha definito i Cinquestelle “il partito del no, incapace di fare un salto di qualità”. Ha inoltre proposto di accorpare al referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre una consultazione popolare cittadina sulla candidatura di Roma. Daniele Mitolo (Pd), infine, ha riportato la posizione dei sindaci degli altri capoluoghi di provincia del Lazio, tutti favorevoli all’ipotesi Olimpiadi. OLIMPIADI DI ROMA: ABBRUZZESE (F.I.) LA REGIONE DIMOSTRI LA SUA CENTRALITA’ PER L’INTERO TERRITORIO "Su una vicenda così complessa e rilevante, come le olimpiadi, non si possono fare ragionamenti politici, ma di esclusiva opportunità per il territorio regionale, provinciale ed in generale per l’Italia.

Dire no a prescindere,come ha fatto il Sindaco di Roma, essere sempre contrari ad ogni iniziativa di sviluppo e di crescita, significa avere miopia amministrativa e si rischia di rimanere ancorati alle proprie ideologie e quindi al micro obiettivo, senza tenere presente invece l’obiettivo macro rappresentato dalla straordinarietà dell’evento olimpico.

Mai forse come in questa circostanza, la Regione Lazio, intesa come istituzione, deve riappropriarsi della centralità del proprio ruolo". Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese consigliere regionale di Forza Italia del Lazio e presidente della Commissione Speciale Riforme Istituzionali a margine della seduta straordinaria di Consiglio regionale convocata per dibattere sull'argomento.

"Non vanificando quindi gli sforzi compiuti fino ad ora dai Sindaci delle province del Lazio, per non perdere questa grande occasione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Le olimpiadi nel Lazio rappresentano stime alla mano: 177.000 nuovi posti di lavoro, +2,4% di crescita del PIL, 250 siti sportivi coinvolti che potrebbero essere ristrutturati, 15 nuovi centri polisportivi.

Già da questi numeri si capisce che l’Ente regione deve compiere ogni azione per non perdere questo treno, che potrebbe non ripassare mai, sia per Roma che per il Lazio.

Una prova di maturità deve darla anche l’intero Consiglio Regionale, assumendo impegni precisi per la candidatura della capitale, in forma rigorosamente bipartisan, a dimostrazione che di fronte a opportunità straordinarie come questa rappresentata dalle olimpiadi, non si fa politica, ma esclusivamente gli interesse del territorio. Esattamente il contrario di quello che ha fatto il Sindaco di Roma fino ad oggi". Ha concluso Mario Abbruzzese

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento