menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luca d'Arpino

Luca d'Arpino

Ripi, D'Arpino (FI); il sindaco Zeppieri è tornato da New York ancora più confuso

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: L’amministrazione Zeppieri non smette di stupire per inefficienza e incapacità. Come un provetto emulatore del mago Silvan ha estratto dal cilindro una bella sorpresa, e che sorpresa, per gran parte dei cittadini ripani...

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: L'amministrazione Zeppieri non smette di stupire per inefficienza e incapacità. Come un provetto emulatore del mago Silvan ha estratto dal cilindro una bella sorpresa, e che sorpresa, per gran parte dei cittadini ripani. In qualità di rappresentante provinciale di Forza Italia, Luca D'Arpino, critica aspramente l'operato della giunta comunale.

Negli ultimi giorni, sono state notificate dall'ufficio tributi delle vere e proprie stangate. Secondo l'attuale amministrazione, a Ripi, i terreni edificabili varrebbero da un minimo di 200.000 Euro ad un massimo di 400.000 euro ad ettaro. Stime, sempre secondo l'esponente di Forza Italia, assolutamente fuori dalla realtà. Forse, il recente viaggio negli Stati Uniti avrà confuso le idee al simpatico sindaco facendogli perdere la trebisonda. Del resto, forse, le idee di Zeppieri erano confuse già alla partenza per la grande mela, sfugge, infatti, il reale motivo del viaggio, sarebbe folle pensare che il viaggio sia stato organizzato solo per promuovere il granaio sociale di Ripi, nobile idea ma non alla sua portata per scarsa competenza tecnica ed imperizia in materia. Alla fine, è stata solo la solita ricerca di visibilità. Ciò che D'Arpino contesta vivamente è la tempistica e la metodologia di tale oscena manovra coercitiva. Sembrerebbe che tale manovra sia stata artatamente studiata in tempi non sospetti (vedesi amministrazione precedente) per non avere ripercussioni sulla campagna elettorale appena conclusasi. Tutti ricordano quando, in pieno agone politico della campagna elettorale, il sig. Zeppieri si fregiava di non voler aggravare le già esasperate condizioni dei cittadini con l'imposta di nuove tasse. Purtroppo, alla prova dei fatti, si è smentito clamorosamente. Gran bel autogol! Con la richiesta del pagamento IMU sui terreni edificabili, per le annualità 2009 - 2010 - 2011 - 2012 - 2013 si è toccato il fondo. Nello specifico sono arrivate notifiche di importi spaventosi in alcuni casi, il buon Zeppieri, arriva a esigere il pagamento di decine di migliaia di euro in 30 giorni. Sicuramente, le casse comunali piangono, anche per scelte opinabili del predecessore, però far piangere i cittadini in questi tempi di crisi non è corretto, specialmente se chi ne è l'artefice, a parole, si è sempre manifestato contrario a qualsiasi iniziativa a danno della popolazione. Tecnicamente, D'Arpino nutre forti perplessità su come si sia giunti a determinare il valore venale dei terreni edificabili e si chiede se tale valutazione sia frutto di una analisi meramente sistemica oppure sin dall'inizio sia stata finalizzata strumentalmente e semplicemente a risanare le casse esangui dell'ente. Il sig. Zeppieri si è reso conto che gran parte dei terreni in questione benché considerati e valutati edificabili, sono invece a tutti gli effetti utilizzati come agricoli e privi di infrastrutture accessorie che ne potrebbero aumentare il valore? L'esponente di Forza Italia invita la popolazione a sottoscrivere una petizione popolare per rivedere la tariffazione applicata da Zeppieri e la sua giunta. Inoltre,chiede al sig. Zeppieri di spiegare, in assise pubblica, il perché e il per come si sia giunti a tale richiesta di pagamento coattivo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento