Nord CiociariaToday

Ripi, un 32 enne di Veroli rifiutato dalla donna si scaglia contro i Carabinieri intervenuti arrestato

Ripi, personale del locale Comando Stazione Carabinieri, traevano in arresto un 32enne, ( già gravato da vicende penali per reati contro la persona e il patrimonio), residente in Veroli, poiché ritenuto responsabile di atti persecutori (c.d...

Roma carabinieri

Ripi, personale del locale Comando Stazione Carabinieri, traevano in arresto un 32enne, ( già gravato da vicende penali per reati contro la persona e il patrimonio), residente in Veroli, poiché ritenuto responsabile di atti persecutori (c.d. stalking) violazione di domicilio e resistenza a Pubblico Ufficiale.

L’uomo, nella serata di ieri, dopo aver atteso l’uscita dal posto di lavoro di una 29enne di Ripi che, tempo addietro, aveva occasionalmente conosciuto, la seguiva fino alla propria residenza dove, vistosi respinto per l’ennesima volta, insultava pesantemente sia la donna che i suoi familiari presenti, i quali, spaventati, allertavano i Carabinieri che, prontamente intervenuti, trovavano l’uomo ancora all’interno del cortile dell’abitazione. Quest’ultimo, invece di attenersi all’invito di allontanamento da parte dei militari operanti, si scagliava contro di loro, opponendo veemente resistenza. Il giovane, una volta bloccato, veniva così dichiarato in arresto e condotto in caserma per l’espletamento delle previste formalità di rito, al termine delle quali, su disposizione della competente A.G., l’uomo veniva condotto presso la propria abitazione poiché sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

CECCANO, ARRESTATA 42 ENNE PER FURTO AGGRAVATO

In Ceccano, personale del locale Comando Stazione, traeva in arresto una 42enne del luogo (già gravata da vicende penali per reati contro il patrimonio e gli stupefacenti) poiché resasi responsabile del rato di “ furto aggravato” di corrente elettrica ai danni di una sua vicina. La donna aveva manomesso il suo contatore della luce, prolungando alcuni fili e collegandoli al contatore della sua vicina, addebitandole così in bolletta anche i suoi consumi. Proprio questa anomalia nei consumi aveva allarmato l’ignara vittima che, insospettita dagli elevati importi elettrici, si rivolgeva ai Carabinieri di Ceccano ai quali, è bastata eseguire una verifica sui contatori e relativi fili per scoprire l’artifizio posto in essere dalla malfattrice e , nel contempo, dichiararla in arresto. Ad espletate formalità di rito, come disposto dalla competente A.G., la donna veniva condotta presso la sua abitazione in regime di detenzione domiciliare, in attesa del rito direttissimo.

FERENTINO, IDENTIFICATE PROSTITUTE DELL’EST E NIGERIANE MULTATE DI 500 EURO

Il 28 e 29 giugno 2017, il personale dei reparti dipendenti della Compagnia Carabinieri di Anagni, sono stati impegnati in un servizio straordinario per il controllo del territorio, teso a contrastare il fenomeno della prostituzione nel comune di Ferentino – zona ASI oltre che a prevenire la commissione dei reati in genere. Nel corso della predetta attività, sono state sottoposte a controllo ed identificazione, essendo prive di documenti d’identità 8 (otto) giovani donne dell’est europeo ed africane, di età compresa tra i 20 ed i 30 anni, domiciliate a Frosinone, Roma e provincia, poiché resisi responsabili di “atti contrari alla pubblica decenza”e, nei loro confronti in ossequio alla normativa vigente, sono state contestate sanzioni amministrative di Euro 500,00 cadauna. Durante l’espletamento della predetta attività preventiva, inoltre, venivano eseguite 8 perquisizioni, identificate 30 persone, controllati 28 autoveicoli ed elevate 8 contravvenzioni al C.D.S. ad automobilisti che si erano fermati in prossimità delle giovani deferite, intralciando il traffico.

FERENTINO, DENUNCIATI 4 MINORI ROMANI PER RISSA

in Ferentino, personale del locale Comando Stazione Carabinieri al termine di specifica attività info-investigativa , scaturita da una denuncia –querela presentata da un’ operatrice in servizio presso una casa famiglia sita in questa provincia, deferivano in stato di libertà, al Tribunale per i Minori di Roma, 4 (quattro) minori stranieri affidati alla citata struttura, poiché resisi responsabili del reato di “rissa”.

Le attività poste in essere dai militari operanti permettevano di accertare che i predetti, nella serata di del 28 giugno u.s., per futili motivi, ingaggiavano accesa colluttazione tra loro e, nella circostanza l’operatrice al fine di separare i contendenti e disarmarli di un coltello e un cacciavite, successivamente sottoposti a sequestro, riportava una lieve ferita sulla mano destra , medicata sul posto senza l’intervento di personale sanitario. Durante la colluttazione, i quattro minori non riportavano lesioni.

FERENTINO, DENUNCIATI 4 MINORI ROMANI PER RISSA

Ferentino, personale del locale Comando Stazione Carabinieri, nell’ambito di un predisposto servizio per il controllo del territorio, a seguito di incidente stradale, deferiva in stato di libertà, alla competente A.G. un 21enne del luogo poichè resosi responsabile del reato di “guida in stato di ebbrezza alcolica. Lo stesso , alla guida del proprio autoveicolo, mentre percorreva verosimilmente ad alta velocità la strada provinciale Fiuggi-Ferentino, fuoriusciva dalla sede stradale terminando la corsa contro i cespugli circostanti., provocandosi gravi lesioni che rendevano necessario l’immediato trasporto presso l’Ospedale Civile di Frosinone ove trovasi tutt’ora in prognosi riservata, fortunatamente non in pericolo di vita. Il tasso alcolemico che veniva accertato era di gran lunga superiore ai valori consentiti dalla normativa vigente (1,2 g/l).

ESPERIA, ARRESTATO 22ENNE PER DANNEGGIAMENTO AGGRAVATO

Aquino, personale del locale Comando Stazione Carabinieri, traevano in arresto un 22enne di Esperia , già gravato da vicende penali contro il patrimonio e la persona, poiché resosi responsabile di “danneggiamento aggravato, violenza privata e interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità”.

I militari operanti, nel corso un predisposto servizio del controllo del territorio, intervenivano in una piazza del predetto centro in quanto il giovane, dopo aver bloccato un autobus di linea CO.TRA.L, proveniente da Cassino e minacciato gli occupanti, con una scarpa antinfortunistica sfondava un vetro del veicolo.

L’arrestato, ad espletate formalità di rito ed in aderenza alle disposizioni impartite dalla competente A.G., veniva trasportato presso la sua abitazione poiché sottoposto al regime della detenzione domiciliare.

CASSINO, ATTUARI CONTROLLI PREVENTIVI PER LA SICUREZZA

Continuano incessanti i servizi di controllo del territorio da parte del personale del Comando Compagnia di Cassino, disposti e programmati dal Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone, nel periodo estivo, al fine di garantire una maggiore sicurezza ai cittadini, mediante l’intensificazione dei servizi preventivi nella giurisdizione. Infatti, come nelle decorse settimane, i militari del Comando Compagnia Carabinieri di Cassino, hanno svolto mirati servizi per il controllo del territorio, tesi a prevenire i reati di tipo predatorio ( soprattutto dei furti eseguiti in abitazioni lasciate incustodite) , il consumo e lo spaccio di sostanze stupefacenti , la guida in stato di ebrezza, attraverso un massiccio controllo alla circolazione stradale, sulle più pericolose arterie e snodi di comunicazione della giurisdizione di competenza, in prossimità' del casello autostradale dell'A1, delle Stazioni Ferroviarie oltre che nei pressi di locali pubblici, maggiormente frequentati da giovani. Tale attività preventiva, consentiva di ottenere i sottonotati risultati :

ATINA, GUIDAVA IN STATO DI EBBREZZA SEQUESTRATO IL CICLOMOTORE

In Atina veniva deferito in stato di libertà, alla Procura della Repubblica un 62enne, residente nella Val di Comino poiché resosi responsabile del reato di “rifiuto di sottoporsi a test alcolico”. Lo stesso veniva sorpreso alla guida di un ciclomotore in evidente stato di ebbrezza alcoolica e, nel corso del controllo, si rifiutava di sottoporsi all’accertamento etilometrico. Contestualmente il ciclomotore veniva sottoposto a sequestro amministrativo ed affidato in giudiziale custodia ad una ditta autorizzata.

CASSINO, ALLONTANATI DUE NAPOLETANI CHE AVEVANO AVVICINATO COPPIA DI ANZIANI

In Cassino , intercettavano e controllavano due partenopei, un 38enne (già gravato da vicende penali per ricettazione e frode nel commercio) ed un 34enne (già gravato da vicende penali per truffa, porto di oggetti atti ad offendere e insolvenza fraudolenta ed altro) , poiché, venivano sorpresi dai militari operanti subito dopo che gli stessi avevano avvicinato, effettuando banali richieste, alcune persone anziane che passeggiavano a piedi per il centro abitato di Cassino. Era stata proprio la segnalazione dei pensionati a far scattare le ricerche dei due soggetti, che venivano poco dopo bloccati e sottoposti a controllo. Ricorrendo i presupposti di legge e stante la mancata giustificazione della loro presenza in loco, veniva inoltrata nei loro confronti la proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con F.V.O. , con divieto di far ritorno nella “Città Martire” per anni 3.

PIEDIMONTE SAN GERMANO, ELEVATA SANZIONE DI 5.000 EURO PER COMMERCIO ABUSIVO AMBULANTE

Piedimonte San Germano deferivano in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Cassino, 2 (due) partenopei ( già allontanati con FVO da vari comuni italiani), poiché inadempienti al divieto di far ritorno in quel comune per un periodo di anni 3.e, nei loro confronti veniva elevata una sanzione di Euro 5.000,00 (cinquemila/00) poiché “esercitavano abusivamente l’attività di commercio ambulante su area pubblica, senza essere in possesso della prescritta autorizzazione del Sindaco”. In tale contesto venivano sequestrati 108 capi di biancheria di varie marche.

Procedevano, inoltre, al controllo di una 39enne, residente a Lariano (RM), già gravata da vicende penali per reati contro il patrimonio e la persona, poiché si aggirava con fare sospetto, nei pressi di attività commerciali site in quel centro abitato. Stante i presupposti di legge, veniva inoltrata nei suo confronti la proposta per l’irrogazione dela misura di prevenzione del rimpatrio con F.V.O., con divieto di far ritorno nel predetto Comune per anni tre.

Nel corso del medesimo servizio effettuavano inoltre:

  1. nr.57 identificazioni personali;
  2. nr.48 controlli veicolari;
  3. nr.5 contravvenzione al Cds;
  4. Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
  5. nr.4 perquisizioni personali, veicolari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento