Nord CiociariaToday

Roma, “la marcia dei silenziosi in difesa dei mercati Contro la Direttiva Bolkestein” ha raggiunto il suo obiettivo

Il Presidente del consiglio dei ministri ha avviato le procedure per la sospensione della direttiva al 2020

Il Presidente del consiglio dei ministri ha avviato le procedure per la sospensione della direttiva al 2020

Con una lettera formale inviata al Presidente dell‘ANCI, il Presidente del Consiglio dei Ministri – Matteo Renzi -, ha preso atto delle “forti criticità” applicative della Direttiva Bolkestein per quanto riguarda il commercio ambulante.

Ciò, scrive il Presidente del Consiglio dei Ministri, “..anche su sollecitazione degli Enti locali, delle categorie e degli operatori”.

Per queste ragioni il Governo “ha deciso di prendersi carico di queste criticità, ritenendo doveroso quantomeno un momento di approfondimento e riflessione”.

A seguito di ciò e del tavolo di lavoro convocato il 3 novembre u.s. – a cui ha preso parte anche la Associazione Imprese Oggi – “il Governo sta lavorando perché si possa arrivare ad allineamento della scadenza di ogni concessione in essere al 31.12.2020”.

Questa importantissima decisione è il frutto del lavoro, dell’impegno e delle iniziative di centinaia di operatori che, partendo dalla MARCIA DEI SILENZIOSI svoltasi a Fondi il 9 giugno scorso, ha consentito la mobilitazione degli ambulanti in tutto il basso Lazio, nella Campania ed a Napoli in particolar modo, nel Molise, a Roma e nella Toscana.

Un movimento che in pochi mesi è cresciuto in tutta l’Italia attorno a 13 Associazioni e che ha permesso alla Associazione Imprese Oggi – oggi affiliata con CONFIMPRESEITALIA - di radicarsi e di diventare un punto di riferimento non solo per gli operatori ma anche per gli Enti Locali fino al punto di essere convocata Istituzionalmente dal Ministero dello Sviluppo Economico il 3 novembre scorso ad un incontro con il Sottosegretario A. Gentile.

La odierna lettera del Presidente del Consiglio è il frutto delle Grandi Manifestazioni degli ambulanti svoltesi a Roma il 28 settembre ed il 29 novembre scorso a Napoli ed in molte città d’Italia.

Ma questo risultato è stato possibile anche grazie alla vicinanza di tanti Sindaci (di Cori, di Lenola, di Monte S. Biagio, di Maenza, di S. Giorgio a Liri, di Spigno Saturnia, di Cassino, di SS. Cosma e Damiano, di Terracina, di Roccagorga, di Priverno, di Sperlonga, di Gaeta, di Coreno Ausonio, di Patena e di Aquino) e di numerosi Deputati (Leonardo Impegno), Senatori (Roberto Ruta) ed Consiglieri Regionali del Lazio e della Campania (il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e l’intero Consiglio Regionale), il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris e l’intero Consiglio Comunale di Napoli, che la Associazione Imprese Oggi desidera ringraziare di vero cuore per il sostegno dimostrato alla causa degli ambulanti contro la Direttiva Bolkestein.

Ma la Associazione Imprese Oggi desidera inviare un sincero ringraziamento particolare al Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che dopo aver ricevuto giovedì scorso a Napoli il Segretario Generale della nostra Associazione, Marrigo Rosato, con una delegazione formata da Alessia Salmoni, da Vincenzo Calcamucci, da Salvatore Guerriero, da Giovanni Vario e da Biagio Palumbo, ha mantenuto fede all’impegno di comunicare entro la giornata di ieri la volontà del Governo di sospendere i Bandi e la Direttiva Bolkestein fino al 31.12.2020.

Forti di questo grande risultato ora il nostro impegno continuerà per la definitiva estromissione degli ambulanti dalla Direttiva Bolkestein.

Guido D’Amico, presidente nazionale di ConfimpreseItalia, dice: «Un risultato straordinario, ottenuto grazie alla determinazione e alla competenza dei “nostri” ambulanti. Di sottolineare la sensibilità del Governo e la presa di posizione del presidente del consiglio dei ministri Matteo Renzi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Le scarpe della Lidl vanno a ruba anche a Frosinone: sold out in pochi minuti

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Paliano, è morto l’imprenditore Umberto Schina

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento