menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Manifesto Palio delle Botti

Manifesto Palio delle Botti

Serrone, due gare il 26 e il 27 per la finale nazionale Palio delle Botti

Saranno due giorni di festa con i riflettori puntati su Serrone quelli che il 26 e 27 settembre prossimo mese condurranno tutte le squadre finaliste a disputare - domenica 27 settembre - la finalissima del Palio Nazionale delle Botti delle Città...

Saranno due giorni di festa con i riflettori puntati su Serrone quelli che il 26 e 27 settembre prossimo mese condurranno tutte le squadre finaliste a disputare - domenica 27 settembre - la finalissima del Palio Nazionale delle Botti delle Città del Vino, giunto quest'anno alla sua IX edizione.

In finale si sfideranno dieci squadre in rappresentanza di altrettante Città del Vino: Serrone partecipa di diritto come organizzatrice, Maggiora (NO) come vincitrice dell'edizione 2014, e con loro altre otto contendenti.

Soddisfazione, a Serrone, per essere stata selezionata per ospitare la finalissima nazionale del Palio delle Botti, la manifestazione creata nel 2007 dall'Associazione nazionale Città del Vino per dar vita ad una disputa a tappe, da ripetersi ogni anno, che coinvolge tutta Italia e si conclude ogni volta con una festa in una Città del Vino diversa.

"Quest'anno - spiega il sindaco Natale Nucheli - avremo l'onore di ospitarla a La Forma e verrà vissuta non solo come una grande festa per tutto il paese ma come un'occasione di promozione per i nostri produttori e il nostro territorio".

COS'E' IL PALIO DELLE BOTTI

D'altronde, da tradizione, la passione che infiamma l'anima delle Città del Vino corre con le botti che rotolano per le loro antiche strade. Il Palio Nazionale delle Botti è ormai un appuntamento "classico" per animare le terre del vino e ogni anno cresce sia per numero di partecipanti sia per la passione con cui si affronta la sfida e si gareggia.

Nato da un'idea dell'Associazione Nazionale Città del Vino è pensato per dar vita ad una manifestazione che coinvolga tutte le regioni italiane fino alla grande festa che si svolge di volta in volta in una Città del Vino diversa.

Dal 2007 ad oggi la manifestazione è cresciuta e si è evoluta, non solo perché sono sempre più numerose le Città del Vino che partecipano alle gare che si disputano un po' in tutta Italia, ma anche per la qualità delle feste organizzate nelle Città del Vino coinvolte; molte perché hanno alle spalle già una consolidata tradizione di corsa delle botti, altre perché hanno deciso di cimentarsi in questa gara dando vita, a loro volta ad una nuova tradizione. L'appuntamento finale è diventato un evento atteso, così come le varie gare che si disputano per stabilire quali saranno le dieci città finaliste del Palio Nazionale. Alle singole gare di qualificazione, organizzate dalle varie Città del Vino possono partecipare anche squadre di Comuni non associati, anche se poi non avranno diritto di concorrere per la graduatoria che stabilirà quali sono le Città del Vino associate che invece gareggeranno per la finalissima.

Le squadre dovranno essere composte da atleti "spingitori" residenti nel Comune stesso e il numero di squadre partecipanti minimo per ogni singola gara è di cinque. La Città del Vino ospitante la finalissima e quella che si è aggiudicata il Palio Nazionale l'anno precedente sono ammesse di diritto. Nel caso in cui queste coincidano, si darà la possibilità di partecipare alla seconda qualificata.

In cosa consiste, dal punto di vista tecnico e atletico, il Palio Nazionale delle Botti? La gara consiste nel far rotolare una botte da 500 litri lungo un percorso compreso tra un minimo di 600 metri ad un massimo di 1.500 metri di lunghezza, che deve attraversare le vie della Città del Vino; gli spingitori di ogni squadra si potranno alternare durante la gara; la botte non potrà essere spinta da più di due spingitori alla volta.

Tra le Città del Vino che hanno già vinto almeno una edizione del Palio Nazionale delle Botti ricordiamo Castelnuovo Berardenga (Siena), Corropoli (Teramo), Suvereto (Livorno) e Maggiora (Novara). ALBO D'ORO PALIO NAZIONALE DELLE BOTTI I edizione 14 ottobre 2007 - Gattinara (NO)

I classificato: Castelnuovo Berardenga (SI) - II classificato: Corropoli (TE) - III classificato: Avio (TN)

II edizione 7 settembre 2008 - Avio (TN)

I classificato: Corropoli (TE) - II classificato: Vittorio Veneto (TV) - III classificato: Nizza Monferrato (AT) III edizione 4 ottobre 2009 - Vittorio Veneto (TV)

I classificato: Corropoli (TE) - II classificato: Vittorio Veneto (TV) - III classificato: Nizza Monferrato (AT)

IV edizione 26 settembre 2010 - Lanuvio (RM)

I classificato: Corropoli (TE) - II classificato: Vittorio Veneto (TV) - III classificato: Suvereto (LI) V edizione 2 ottobre 2011 - Corropoli (TE)

I classificato: Corropoli (TE) - II classificato: Vittorio Veneto (TV) - III classificato: Maggiora (NO)

VI edizione 30 settembre 2012 - Suvereto (LI)

I classificato: Suvereto (LI) - II classificato: Maggiora (NO) - III classificato: Vittorio Veneto (TV) VII edizione 29 settembre 2013 - Castiglione in Teverina (VT)

?I classificato: Maggiora (NO) - II classificato: Suvereto (LI) - III classificato: Corropoli (TE)

VIII edizione 28 settembre 2014 - Maggiora (NO)

I classificato: Maggiora (NO) - II classificato: Suvereto (LI) - III classificato: Refrontolo (TV)
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento