Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Nord Ciociaria

Serrone, il cadavere di Paola Alberti da otto giorni nella camera mortuaria del Grassi di Ostia

Da oltre otto giorni il cadavere della signora Paola Alberti, 82enne di Serrone,  è in frigorifero all’ospedale Grassi di Ostia, perché nessun comune vuole riceverlo.

Da oltre otto giorni il cadavere della signora Paola Alberti, 82enne di Serrone, è in frigorifero all'ospedale Grassi di Ostia, perché nessun comune vuole riceverlo.

La storia ha dell'incredibile. La signora Alberti era stata ricoverata, alcune settimane fa, all'Ospedale Grassi per diversi problemi di salute. Il primo marzo il suo cuore si è fermato e per il figlio Fabrizio che si sta occupando del caso, perché gli altri due fratelli non possono intervenire, è iniziata l'odissea. Nel cimitero del Serrone non c'è più posto nei fornetti ed il figlio aveva pensato di far seppellire la donna ad Ariccia, dopo un rifiuto del cimitero di Ostia, ma dopo diversi giorni di attesa anche dal comune dei castelli è arrivato il diniego.

Di conseguenza il cadavere della donna è in frigorifero presso la camera mortuaria del Grassi di Ostia, con il figlio che non sa più a quale Santo rivolgersi per cercare di dare una dignitosa sepoltura all'amata mamma, la cui storia sta veramente diventando una tragicomica commedia all'Italiana.

In Italia non hanno pace neanche i morti. I cimiteri sono quasi tutti pieni ed i comuni non hanno i soldi per ingrandirli. Una situazione davvero imbarazzante, non solo per la famiglia Alberti.

Il Sindaco di Serrone, Natale Nucheli, ci ha informato che di questo problema la sua Amministrazione ne è completamente estranea perché nessuno lo ha interpellato. La signora, che aveva problemi diversi era sotto giudice tutelare ed è residente a Ostia, quindi è un problema di quel comune". Ce ne scusiamo con i lettori e con il Sindaco di Serrone. G. F.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serrone, il cadavere di Paola Alberti da otto giorni nella camera mortuaria del Grassi di Ostia

FrosinoneToday è in caricamento