Nord CiociariaToday

Serrone, inaugurata la ristrutturazione della sede comunale con il prefetto Zarrilli

Dopo 30 anni è stato ristrutturato il Municipio di Serrone e all’inaugurazione c'è stata la visita ufficiale del Prefetto di Frosinone Dott.ssa Emilia Zarrili, che si è complimentata per il bel lavoro effettuato e con tutto il personale.

 

Dopo 30 anni è stato ristrutturato il Municipio di Serrone e all’inaugurazione c'è stata la visita ufficiale del Prefetto di Frosinone Dott.ssa Emilia Zarrili, che si è complimentata per il bel lavoro effettuato e con tutto il personale.

Per lei anche gli auguri dal cielo da parte del club Serrone vola con il parapendio e con il sindaco che é riuscito a strapparle una promessa per una prossima venuta in paese per il Natale. Natale che ufficialmente è partito con la consegna del quadro, dipinto dall’artista carpinetano Luigi Centra (vive a Veroli), che ha realizzato una bellissima tela su seta con finiture in oro raffigurante il Natale a Serrone, che sarà il liet motiv della manifestazione che sarà inaugurata il 8 Dicembre prossimo per chiudere il 6 Gennaio 2016, con il Presepe a Grandezza Naturale e certamente più lungo d’Italia, sempre aperto notte e giorno. L’artista ciociaro terrà una personale per tutto il periodo natalizio nell’ex asilo.

A ricevere il rappresentante dello Stato oltre che al sindaco Natale Nucheli, la giunta e l’intero Consiglio Comunale, anche il Parroco Don Primo Martinuzzi, il Vice Parroco Don Piero e il dirigente Scolastico con i ragazzi delle due seconde medie. Alcuni ragazzi hanno posto domande importanti al Prefetto, la Croce Rossa, la Protezione Civile, Serrone Vola, Rocca D’Oro, Ass. Serrone che organizza il presepe.

Così dopo la benedizione dei nuovi locali da parte del parroco Don Primo, il taglio del nastro a quattro mano, la visita al rinnovato municipio e il benvenuto da parte del Sindaco Natale Nucheli e il baby Sindaco assieme alle associazioni che hanno fatto crescere il paese. “Per noi è un onore averla oggi qui a Serrone, nonostante i Suoi pressanti impegni - ha detto il sindaco - prima di illustrarne la storia del paese a cominciare dalle due parrocchie. Paese con poco più di 3.000 cittadini con un’agricoltura fiorente con vino e olio ed oltre mille posti nei ristoranti al giorno e alberghi per circa 200 posti giornaliere. Inoltre, stiamo cercando di recuperare lo Scalambra- ha aggiunto il Sindaco Nucheli - Abbiamo vissuto il problema grave della deindustrializzazione della Valle del Sacco, Serrone è molto ospitale. Erano trenta anni che non si faceva manutenzione al comune ed abbiamo ottenuto circa 500.000 euro per ridare ali cittadini servizi essenziali e un punto di riferimento preciso". Poi è toccato al Prefetto rispondere: “ Vedere sul display il saluto dell’Amministrazione mi ha commosso. Inaugurare una nuova sede comunale ristrutturata equivale ad aprire una casa nuova in un momento di crisi ed è quanto mai importante. Oggi, che le opere pubbliche si avviano e non si concludono mai arrivare qui e una ristrutturazione ben fatta ed essenziale come questa e trovarmi in questa sala consiliare, piccola ma carina. Perché, in questa sede si discutono, si animano e si vivono i bisogni di una piccola comunità come quella di Serrone. Perché chi si assume l’onere e l’onore di rappresentare la cittadinanza, deve rispondere dare il suo aiuto il suo supporto. Sono certa che il Vostro sindaco lo fa, perché quando anch’io ho dato ascolto è venuto a portare i problemi della cittadinanza di natura economica, della sicurezza se ne è discusso, perché in fondo la prefettura è la sede del coordinamento di tutti i comuni, in cui i problemi si raccolgono qui e si rappresentano altrove e soltanto attraverso un dialogo la costituzione di una rete tra i soggetti che interagiscono tra di loro si possono risolvere i problemi. Oggi non c’è la bacchetta magica per niente , se non c’è la soluzione definitiva di un problema c’è l’avvio della soluzione ed è quello che è importante . Poi abbiamo un sindaco Baby che è una femminuccia che promette bene vedete come è seria nel suo ruolo. Quindi, -ha aggiunto la massima autorità provinciale- colgo l’occasione per ringraziare anche i bambini della loro presenza , ai quali bisogna dare l’educazione della legalità , perché soltanto insegnando loro il rispetto delle regole , il rispetto dell’altro noi faremo di loro dei bravi cittadini del futuro. Per i cittadini vivere è più facile se si rispettano le regole . Con l’apertura del Giubileo, non so se l’8 dicembre potrò essere con Voi, ma sicuramente mi impegno a venire una giornata , che dobbiamo programmare, per venire a vedere il presepe di cui ho una grande passione. Sono felice di essere qui per inaugurare qualcosa di importante e vedo un territorio sereno e sono contenta di condividere con Voi un momento così difficile come questo. Concludo - aggiunge il Preretto Zarrilli- in ogni occasione pubblica dobbiamo ricordare il momento che stiamo vivendo, perché Parigi è dietro l’angolo per tutti noi. Noi dobbiamo allontanare quel pensiero e lo dobbiamo rendere partecipe del nostro essere”. Poi dopo un lungo applauso il minuto di silenzio. Infine sono state donate al Prefetto le prelibatezze locali con la Ciammella Serronese in primis ed alcune bottiglie del nostro ottimo vino Cesanese DOCG. Nell’aula consiliare era presente anche il sindaco di Piglio Avv. Mario Felli.

Giancarlo Flavi (Video Filippo Rondinara)

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento