Nord CiociariaToday

Serrone, medaglia d'oro al vino Nero dello Scalambra 2015 alla selezione del sindaco

Dal sindaco Nucheli i complimenti all'azienda Emanuele Terenzi per il prestigioso riconoscimento.

Nero dello Scalambra con Mario Proietti e sindaco Nucheli

Dal sindaco Nucheli i complimenti all'azienda Emanuele Terenzi per il prestigioso riconoscimento.

Il “Nero della Scalambra 2015” delle Antiche Cantine Mario Terenzi (Azienda Agricola Emanuele Terenzi) è l'unico vino della provincia di Frosinone premiato alla Selezione del sindaco 2017, il concorso enologico internazionale organizzato dall'Associazione Nazionale Città del Vino che si è svolto alla Casa del Gusto di Tramonti, nell'entroterra della Costa d'Amalfi. Al Cesanese di Affile Doc, prodotto dall'azienda serronese, la giuria ha assegnato ben 87 punti, che gli sono valsi la Medaglia d'oro.

“Sono davvero orgoglioso – commenta il sindaco, Natale Nucheli – di vedere come, anche questa volta, in tutta la provincia di Frosinone ci sia solo un'azienda di Serrone a ricevere un premio tanto prestigioso, come la Medaglia D'Oro alla Selezione del Sindaco. E' il giusto premio all'impegno e alla costanza con cui Emanuele Terenzi, seguendo gli insegnamenti e l'attività del padre Mario, sta dando nuova linfa ed energia all'azienda di famiglia, tenendo sempre in evidenza la cura della qualità del prodotto. Investimenti sull'ammodernamento tecnologico e lavori sui vigneti costano sacrifici ma continuano a dare grandi soddisfazioni, come dimostra l'ennesimo premio conquistato dal Nero dello Scalambra”.

“In totale – precisa l'Associazione Città del Vino - sono stati assegnate 350 medaglie, sulla base del rigido regolamento dell'OIV, l'Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino, che vuole garantire il massimo livello qualitativo delle premiazioni. Se consideriamo che il vino a cui è stata assegnata l'ultima Medaglia d'Argento ha ottenuto 86 punti, a pari merito con altri 23 vini, balza subito agli occhi come il livello qualitativo dei vini passati al vaglio delle Commissioni internazionali sia stato giudicato di alta qualità”.

“Non può che essere un vanto per il nostro concorso – afferma Paolo Benvenuti, direttore dell'Associazione Città del Vino – sapere che i vini presentati dalle aziende sono tutti di alto livello qualitativo. Dispiace che per pochi centesimi di voto molte aziende non potranno ottenere una Medaglia d'Argento pur avendo proposto vini meritevoli di grande attenzione. Ma il limite imposto dalla norma dell'OIV sta lì a garantire, come detto, che il livello dei premi sia il massimo possibile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

NELLA FOTO IL SINDACO NUCHELI CON MARIO TERENZI E IL NERO DELLO SCALAMBRA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento