Nord CiociariaToday

Serrone, Mons. Sigalini inaugura il Presepe a Grandezza Naturale lungo le viuzze e le piazzette del borgo

Con la benedizione del Vescovo di Palestrina Mons. Domenico Sigalini che ha riaffermato il valore della famiglia e della tradizione artigianale italiana e in particolare ciociara e serronese, è stato

 

Con la benedizione del Vescovo di Palestrina Mons. Domenico Sigalini che ha riaffermato il valore della famiglia e della tradizione artigianale italiana e in particolare ciociara e serronese, è stato inaugurato il Presepe a Grandezza Naturale (sempre aperto fino al 6 Gennaio 2016) e più lungo d’Italia che si snoda tra i vicoli e le piazze del borgo di Serrone che sta per compiere i suoi primi mille anni di vita. Presepe realizzato dalla maestria dello scenografo teatrale Santi Migneco. Un presepe che rappresenta le tradizioni ed i mestieri storici messo su dall’Associazione Culturale Serrone oggi presiduta da Tonino Serafini, ma al momento della costituzione da Mario Prili, e da altri volontari che ogni anno si prodigano per far risorgere questo inedito spettacolo natalizio, oggi copiato a tutti i livelli. Quello i Serrone resta il primo e più l’originale, con alcune postazioni che sono state cambiate negli anni, come ad esempio quella del forno che da quest'anno diventa ogni sabato e domenica vivente perché tornerà a fare il pane. Insomma, un presepe da vedere, perché consente anche di fare una bella passeggiata lungo le viuzze e le piazzette del borgo che è pressoché rimasto intatto e poi visitare la mostra del pittore Luigi Centra, il museo dei Costumi di Teatro che la Signora Bice Minori, sarta personale di Luigi De Filippo serronese a Roma, e del teatro romano per oltre 30 anni: ha donato al Comune di Serrone che ne ha realizzato una bellissima mostra e che dire della vetusta chiesa di San Pietro Apostolo nata all’incirca 1000 anni fa. Insomma, quattro gioielli d’arte che meritano certamente una visita. Nel visitare il presepe, però, è possibile degustare anche molti prodotti locali a cominciare dalla Ciammella Serronese (ne dolce ne salata ma comunque buona con tutto) o acquistare un oggetto d’arte artigianale, realizzato da alcune donne di Serrone, nelle varie cantine che s’incontrano durante il percorso del Presepe a Grandezza Naturale. Lunedì 7 per l'inaugurazione ufficiale il sindaco Natale Nucheli, insieme al parroco Don Primo ed al vice Parroco don Piero, ha ricevuto il Vescovo in piazza Romolo Fulli insieme a tanta gente del posto. L'appello a venire a Serrone arriva dallo stesso primo cittadino “Si deve venire a Serrone, perché mai come quest’anno ci si è superati, in quanto sono stati programmati una serie di eventi di richiamo a cominciare proprio dalla mostra di Luigi Centra, con il relativo annullo Speciale postale (martedì 8), la presentazione di diversi libri, poi tutta una serie di iniziative intorno al paese e nelle frazioni con concerti, alcuni dei quali anche con le campane dell’Illinois, giochi per bambini, polentate, presepe vivente domenica 27 e tante altre cose che si snodano durante il periodo fino al 6 gennaio quando arriverà la befana con il parapendio”. E' stata questa per i Consacrati dello Spirito Santo e dell’Immacolata sua Vergine e sposa l'occasione per fare il giuramento di fronte al Vescovo, con una toccante cerimonia, subito dopo l’inaugurazione. Oggi, 8 dicembre, con la banda in piazza ci sarà l’inaugurazione della mostra del Pittore Centra e una bella polentata con carne di maiale. Tanto per cominciare, intanto godetevi le nostre belle immagini del presepe e dell'inaugurazione. Giancarlo Flavi (Vietata la riproduzione delle foto senza previa autorizzazione) Video Filippo Rondinara

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento