Valle Del SaccoToday

Anagni, il sindacato dei medici contrario al Pom

"una decisione sconcertate", questo il commento del Presidente Giovanni Magnante

La scorsa settimana vi avevamo raccontato dell’apertura della Asl di Frosinone alla modifica del Pat di Anagni in Pom una decisione che non è piaciuta affatto allo SNAMI (sindacato nazionale autonomo medici italiani) che parlano di decisione sconcertante.

La lettera

“La recente notizia della proposta del POM nell'ex ospedale di Anagni lascia assolutamente sconcertati. Mentre le esigenze di un territorio – si legge in una missiva di Giovanni Magnante, presidente Snami - su cui afferiscono circa centomila persone sono quelle di avere in loco un congruo presidio sanitario in particolare per l'area dell'emergenza urgenza, la risposta che viene data è a dire poco irriverente nei confronti dei concittadini della zona. Non vale nemmeno la pena di perdere tempo a parlare dell'inutilità del cosiddetto POM, la cui inconsistenza è palese a vista per chiunque ragioni. Sembra solo una tattica diversiva per favorire una agonia del presidio di Anagni, sospettiamo (e a pensare male si fa peccato ma ci si indovina sempre) per rendere più agevole il piano di vendita dell'immobile di via Onorato Capo,  che già è stato fatto oggetto di stima nei documenti Asl per un valore di undici milioni e mezzo di Euro. Ricordiamo e sottolineiamo che con l'art. 30 della legge regionale 55 approvato pochissimi giorni fa dalla regione Lazio ciò diviene fattibile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Avanti con il ricorso al Tar

Questa notizia era già stata data in tempi non sospetti sia dallo SNAMI, sia da CIVIS, sia dalle liste civiche MEDICI E AMBIENTE e IDEA ANAGNI. Ora i fatti confermano tutto. Ribadiamo ancora una volta che l'unico obiettivo strategico serio da porsi in prima istanza è la riapertura del punto di primo intervento. Tutto il resto deve venire dopo e conseguenzialmente, e deve essere finalizzato solo e soltanto alla riconsegna ad Anagni di un presidio ospedaliero vero, senza strane e fumose sigle di contorno. In tale senso va il reale gesto concreto che abbiamo visto mettere in atto da una istituzione pubblica: la delibera della Giunta Comunale di Anagni del 13.09.18 con cui il Comune ha deciso di costituirsi davanti al TAR, per l'annullamento della delibera della Asl con la quale a luglio è stato chiuso il punto di primo intervento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento