menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
<SAMSUNG DIGITAL CAMERA>-34

<SAMSUNG DIGITAL CAMERA>-34

Anagni, Acea Ato 5 con l’ing Saccani:  Le colpe degli arretrati sono  della politica che non ha deciso

L’ingegnere Paolo Saccani, amministratore delegato di Acea Ato5, martedì  sera ha incontrato i cittadini nella Sala della Ragione del Comune di Anagni per parlare di problemi idrici del territorio. L’iniziativa è stata  promossa...

L'ingegnere Paolo Saccani, amministratore delegato di Acea Ato5, martedì sera ha incontrato i cittadini nella Sala della Ragione del Comune di Anagni per parlare di problemi idrici del territorio. L'iniziativa è stata promossa dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Fausto Bassetta per favorire un confronto tra gestore e utenti dopo le proteste circa i conguagli sui consumi dell'acqua dal 2006 al 2011 e il recente aumento delle tariffe.

Saccani ha spiegato che il recupero delle partite pregresse è stata la conseguenza di uno stallo dell'adeguamento tariffario a causa del mancato intervento in tal senso - previsto ogni anno - dell'Autorità d'Ambito (il consorzio dei Comuni).

La situazione, ha detto l'amministratore delegato di Acea Ato5, ha portato alla nomina di un commissario che ha emesso a maggio 2013 un decreto, stabilendo un recupero di 75 milioni e 180 mila euro a favore del gestore. I termini temporali del recupero (tre anni e dodici fatturazioni), ha specificato quindi Saccani, sono stati indicati dall'Autorità competente.

<Gli utenti - ha dichiarato Saccani - stanno pagando scelte irresponsabili della politica, così come l'Acea Ato5 che è stata danneggiata da questa situazione, non riuscendo in questi anni a coprire costi di servizio e di investimento a causa degli aumenti negati. Quando i sindaci, come

lo stesso Bassetta, quest'anno hanno fatto il loro dovere deliberando le tariffe fino al 2015 - ha aggiunto - abbiamo potuto presentare un piano di investimenti pari a 62 milioni di euro>. I cittadini presenti nella Sala della Ragione hanno posto numerosi quesiti all'ad, concentrati soprattutto - a fronte di costi ritenuti onerosi - sulla carenza del servizio e sui continui guasti della rete. Saccani ha ammesso che al momento il livello del servizio <non raggiunge la sufficienza, ma anche questa - ha notato - è una conseguenza della situazione di questi ultimi anni.

Con l'avvenuta approvazione del piano di investimenti - ha assicurato - possiamo prevedere miglioramenti sensibili>.

Circa i ricorsi contro i conguagli attivati da associazioni e patronati, Saccani ha definito <illegittimi gli eventuali recuperi>, aggiungendo che comunque <l'Acea Ato5 non rinuncerà a quello che è un credito esigibile>. Al termine dell'incontro, al quale hanno partecipato anche il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Felli e il consigliere delegato Paolo Lanzi, oltre agli amministratori presenti in sala, il sindaco Fausto Bassetta ha concluso i lavori dichiarando: <Abbiamo voluto far

incontrare l'ingegnere Saccani con i cittadini perché è giusto che ci sia un confronto con i gestori del servizio, e cercheremo di farlo anche con gli altri. Sono stato accusato di aver voluto l'aumento delle tariffe idriche - ha aggiunto con riferimento alle polemiche - ma è stato un atto di responsabilità, visto che oggi gli utenti si trovano a pagare un pregresso perché demagogicamente la politica non era intervenuta>.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento