Martedì, 19 Ottobre 2021
Anagni Anagni

Anagni, creano il panico nell’area di servizio La Macchia arrestati tre anagnini

Tre componenti di uno stesso nucleo familiare, padre, figlio ed un nipote, residenti ad Anagni, dovranno rispondere di violenza,resistenza e e lesioni a pubblico ufficiale per quanto accaduto questa mattina presso l’area di servizio autostradale...

Tre componenti di uno stesso nucleo familiare, padre, figlio ed un nipote, residenti ad Anagni, dovranno rispondere di violenza,resistenza e e lesioni a pubblico ufficiale per quanto accaduto questa mattina presso l'area di servizio autostradale "La Macchia".

Tutto ha inizio intorno alle 07.00 quando i tre parenti, per futili motivi, mentre si trovano all'interno del bar, all'improvviso aggrediscono violentemente un trentasettenne romano, colpendolo con calci e pugni.

In quel frangente, due appartenenti alle forze dell'ordine, un carabinere ed un agente di Polizia Penitenziaria liberi dal servizio, testimoni di quanto sta avvenendo, decidono di intervenire in difesa della vittima.

I tre a a quel punto riversano la loro aggressività sugli intervenuti, nonostante questi ultimi si siano qualificati, per poi darsi alla fuga a bordo di una Fiat Punto.

Immediatamente viene disposta una battuta di ricerca dei fuggitivi congiunta che vede impegnate pattuglie della Polizia Stradale, dei Carabineri di Frosinone, delle Volanti della Questura, allertate dalle rispettive sale operative.

Trascorso poco tempo, la macchina, con a bordo gli irrascibili congiunti, viene intercettata e bloccata nel comune di Anagni.

I tre anche dopo essere stati accompagnati negli Uffici della Questura per essere sottoposti ad ulteriori accertamenti hanno continuato ad opporre resistenza nei confronti del personale operante.

Arrestati, sono ora a disposizione dell'Autorità Giudiziaria in attesa che si celebri il processo con rito direttissimo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anagni, creano il panico nell’area di servizio La Macchia arrestati tre anagnini

FrosinoneToday è in caricamento