menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anagni, il Col. Tuccio ha concesso due ricompense al V.Brig. Giuseppe Ferrante, e all’App. scelto Vincenzo Ciriaci per aver effettuato 35 arresti in flagranza nel 2015

Nella mattinata odierna, il Colonnello Giuseppe TUCCIO, Comandante Provinciale Carabinieri di Frosinone, ha effettuato visita alla Compagnia Carabinieri di Anagni e nella circostanza elogiato il personale per l’ottimo andamento del Reparto...

Nella mattinata odierna, il Colonnello Giuseppe TUCCIO, Comandante Provinciale Carabinieri di Frosinone, ha effettuato visita alla Compagnia Carabinieri di Anagni e nella circostanza elogiato il personale per l'ottimo andamento del Reparto, l'impegno e la professionalità dimostrata nello svolgimento delle mansioni istituzionali. Nel medesimo contesto, il Comandante Provinciale ha consegnato personalmente a tre militari di quel Reparto altrettante ricompense concesse dal Generale di Divisione Angelo Agovino, Comandante della Legione Carabinieri Lazio, in quanto distintisi per l'elevata professionalità e lodevole dedizione al servizio.

In particolare, sono stati concessi due elogi al V. Brig. Ferrante Giuseppe ed all'App. Sc. Ciriaci Vincenzo, in servizio presso l'Aliquota Radiomobile di Anagni, avendo i predetti effettuato ben 35 arresti nella flagranza di reato nell'arco dell'anno 2015.

FERENTINO, DENUNCIATI PER FURTO UNA CAPPIA: LUI STRANIERO 23 ANNI LEI 30ANNI DI ANAGNI

Ferentino, il personale del NORM della Compagnia di Anagni, al termine di una efficace attività investigativa, deferiva in stato di libertà, per il reato di "furto aggravato in concorso", un 23enne cittadino straniero ed una 30enne di Anagni, entrambi già censiti.

La vicenda trae origine dalla denuncia di furto presentata da una dipendente di un esercizio pubblico del luogo, a seguito della quale, i militari operanti intervenuti riuscivano a raccogliere univoci ed inequivocabili elementi di colpevolezza nei confronti dei predetti che, in concorso tra loro, si erano impossessati di un telefono cellulare lasciato incustodito all'interno dell'esercizio.

La refurtiva recuperata veniva restituita all'avente diritto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento