Valle Del SaccoToday

Anagni, in pratica la filiera corta aziendale è promossa dalla Coldiretti

latte. ad Anagni il modello della perfetta filiera corta aziendale promosso dalla coldiretti. inaugurato questa mattina il caseificio savone, dove mozzarelle e formaggi nascono dal latte munto sul territorio

bassetta-tagliaboschi

latte. ad Anagni il modello della perfetta filiera corta aziendale promosso dalla coldiretti. inaugurato questa mattina il caseificio savone, dove mozzarelle e formaggi nascono dal latte munto sul territorio

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Produrre. Trasformare. Vendere direttamente. Quante volte l’ho ripetuto in questi anni ai nostri soci, ai nostri allevatori che diversificare le attività aziendali e valorizzare le produzioni è la condizione intanto per sopravvivere, ma anche per sviluppare nuove fonti di reddito soprattutto per chi, in azienda, coinvolge figli e familiari. Dovevo dare il buon esempio. Spero di esserci riuscito”. Vinicio Savone, allevatore e presidente della Coldiretti di Frosinone, saluta così la nascita del caseificio di famiglia di via Mola Santa Maria, nelle campagne di Anagni. Alla cerimonia inaugurale hanno partecipato in tanti. Tra i primi ad arrivare, il sindaco Fausto Bassetta e l’assessore comunale al bilancio Aurelio Tagliaboschi. Poi il direttore provinciale della Coldiretti, Paolo De Ciutiis e il presidente della federazione di Latina, Carlo Crocetti. “Da noi sono decine gli allevatori che, per valorizzare la propria produzione di latte di qualità, hanno avviato caseifici aziendali. Con risultati eccellenti – commenta Crocetti – visto che oggi la maggior parte di loro rifornisce mercati e negozi di Roma e non ce la fa a soddisfare le nuove richieste di mercato”. Nello spaccio aziendale di via Mola Santa Maria il latte prodotto in zona, a due chilometri di distanza, diventa formaggio, ricotta, mozzarelle con il vantaggio per i consumatori della freschezza, della tracciabilità del prodotto e della sicurezza alimentare. “Nonostante il prezzo del latte alla stalla sia tornato a livelli importanti, tali da garantire a chi lo cede alle industrie almeno la copertura dei costi, rimane scontato che avviare, ove possibile, attività di trasformazione e vendita diretta resta il percorso consigliato, quello che – precisa Paolo De Ciutiis – permette al singolo allevatore di riconoscere il giusto valore alla propria produzione e di incrementare sensibilmente i margini di reddito”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento