Valle Del SaccoToday

Anagni, la riapertura dell’Ospedale ottimizza il lavoro sanitario del comprensorio

I sindaci dell'area che fa riferimento al presidio ospedaliero di Anagni si stanno organizzando per portare in Consiglio comunale il documento con cui chiedere al Ministero della Salute il riconoscimento giuridico della struttura come presidio di...

WCENTER 0FROADAXFZ -

I sindaci dell'area che fa riferimento al presidio ospedaliero di Anagni si stanno organizzando per portare in Consiglio comunale il documento con cui chiedere al Ministero della Salute il riconoscimento giuridico della struttura come presidio di area disagiata per crisi economico-sociale-sanitaria ed ambientale (l'area è inclusa nel Sin), con delle caratteristiche organizzative ben precise che permettano la riapertura di un Pronto soccorso, organizzazione sanitaria già operativa in altre strutture: Ospedale di Acquapendente (Riaperto il pronto soccorso - Medicina generale e servizi); Monterotondo (nuovi servizi con inaugurazione del nuovo Pronto Soccorso con investimenti per 3 milioni di euro); Subiaco (1 milione 400 mila euro per migliorare l'ospedale con nuovi locali di Pronto Soccorso e Medicina generale e Lungodegenza).

E' uno dei risultati dopo l'incontro tra organizzato al Comune di Piglio dal sindaco Mario Felli con la collaborazione della Uil Pensionati, dove il consigliere comunale di Anagni Fabio Roiati, con rapporto di collaborazione con il sindaco Fausto Bassetta alle Politiche sanitarie, e il dottor Massimo Natalia coordinatore delle attività del presidio sanitario di Anagni, hanno illustrato gli aspetti più tecnici della situazione in cui versa la struttura.

Il dottor Roiati ha messo in evidenza come le condizioni economiche siano ormai mutate rispetto al 2014, e precisamente il 6 agosto, quando nella riunione di tutti i sindaci con la Cabina di Regia Sanità Regione Lazio, fu evidenziato che in base ai rigorosi piani di rientro economico della Regione non si poteva pensare ad un investimento sulla sanità sul territorio, ma che bisognava optare per un progetto che ottimizzasse il lavoro del personale e le attività ancora presenti all'interno del presidio, un progetto poi recepito ed incluso nell'atto aziendale della Asl. <Questo – ha detto Roiati - ha sempre rappresentato una luce di speranza da cui ripartire>.

Il dottor Natalia ha evidenziato come le attività presenti all'interno del Presidio Sanitario siano in sofferenza per l'esiguo numero di personale presente e per il vicino pensionamento di alcune unità infermieristiche, nonostante l'impegno ad ottimizzare il lavoro dei presenti per realizzare, tra molte difficoltà, quanto riportato sull'atto aziendale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed è proprio sul diritto di salute dei cittadini che i sindaci presenti hanno preso l'impegno di tornare a chiedere investimenti sul territorio, con il riconoscimento giuridico della struttura come presidio ospedaliero di area disagiata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento