Valle Del SaccoToday

Anagni, nessuna traccia del Polonio all'Ex Videocon. Rientra il pericolo radioattività

Ogni tanto nella tanto martoriata Valle del Sacco, qualche bella notizia arriva anche per ciò che concerne la situazione ambientale. Infatti, le forze dell’ordine hanno comunicato che nessuna traccia di polonio è stata ritrovata (una vicenda...

videocon-3

Ogni tanto nella tanto martoriata Valle del Sacco, qualche bella notizia arriva anche per ciò che concerne la situazione ambientale. Infatti, le forze dell’ordine hanno comunicato che nessuna traccia di polonio è stata ritrovata (una vicenda partita nel lontano 2004) nel sito della fabbrica allora chiamata Videocon.

Il 10 aprile scorso, un articolo apparso su un quotidiano locale dal titolo “SULLE TRACCE DEL POLONIO” ipotizzava una circostanza secondo la quale, intorno all’anno 2004, una non meglio precisata società straniera avrebbe richiesto alla dirigenza dell’epoca della società “VIDEOCON” di isolare due barre di polonio di cui l’azienda si era in precedenza dotata al fine di sperimentare una rivoluzionaria tecnologia, peraltro mai scandagliata, nel campo della industria elettronica. L’isolamento del polonio sarebbe dovuto avvenire mediante l’interramento dello stesso in qualche area dello stabilimento facendo sì che lo stesso potesse essere messo in sicurezza da un eventuale inquinamento da radioattività.

L’articolo di stampa in esame non poteva che generare una profonda preoccupazione se non un vero e proprio allarme sociale tra gli abitanti della Città dei Papi.

A seguito di ciò, il Comando Compagnia di Anagni su direttiva della Procura della Repubblica di Frosinone iniziava a fare opportuni approfondimenti in ordine a quanto rivelato dal citato articolo di stampa.

Una prima fase degli accertamenti si concentrava sull’aspetto documentale. La peculiarità del Polonio, difatti, è la sua tracciabilità. Trattandosi infatti, di un elemento poco disponibile in natura, esso si ottiene normalmente per mezzo di un bombardamento del bismuto con neuroni ottenuti in un reattore nucleare. Ogni partita di materiale fissile ha una sua precisa “identità”, una codifica, in grado di indicare con esattezza provenienza e periodo di produzione. La documentazione di identità segue, inoltre, il Polonio in tutti i suoi vari passaggi rendendo di fatto impossibile che esso possa circolare lecitamente “in sordina” e senza seguire il previsto iter burocratico.

Successivamente si richiedeva, tramite l’ARPA LAZIO, l’intervento sul posto di personale specializzato nell’effettuazione di misurazioni ambientali per la ricerca di sostanze radioattive (Alfa – Beta – Gamma).

Nel mese scorso la Sezione ARPA LAZIO di Viterbo – Servizio Agenti Fisici, Aria, Impianti e Rischi Industriali, provvedevano, coadiuvati da personale della Compagnia di Anagni, ad eseguire le misurazioni radiometriche presso lo stabilimento industriale ex Videocon sito in località Fratta Rotonda di Anagni.

Pochi giorni fa è arrivata la tanto sospirata relazione nella quale si attesta che nei luoghi esaminati non si rilevavano eccessi di radioattività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento