menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anagni, recepito l’atto aziendale per la riorganizzazione dell’ospedale

Il Comune di Anagni si è espresso favorevolmente sull’atto aziendale della Asl e il sindaco Fausto Bassetta ne spiega le motivazioni:

Il Comune di Anagni si è espresso favorevolmente sull'atto aziendale della Asl e il sindaco Fausto Bassetta ne spiega le motivazioni: <Il voto è derivato dall'impegno da parte della manager dell'Asl, Isabella Mastrobuono,

a recepire e attuare le richieste emerse negli incontri che i sindaci avevano avuto nei giorni immediatamente antecedenti al 13 novembre, richieste di miglioramento della programmazione sanitaria in tutta la provincia, in modo particolare l'impegno ad attuare quattro alte specializzazioni (Unità neurovascolare, chirurgia vascolare, neurochirurgia, radiologia interventistica) per l'ospedale Spaziani entro il 2015, con l'impegno a formalizzare subito dopo la richiesta per il Dea di II livello, un risultato insperato fino a qualche settimana fa dopo che il decreto 368 del 31 ottobre scorso aveva cancellato ogni possibilità di effettiva riqualificazione dell'organizzazione sanitaria in Ciociaria>.

Per quanto riguarda l'ospedale di Anagni, l'assessore alla salute Fabio Roiati che ha partecipato ai numerosi incontri organizzati spiega: <E' stato completamente recepito e trascritto sull'atto aziendale il progetto di riorganizzazione e miglioramento dell'offerta sanitaria sul territorio Nord della provincia di Frosinone, in quanto viene convenuto che, come si legge nell'Atto aziendale, "a seguito di interlocuzione con la Regione, è stato formulato un piano di riorganizzazione delle attività, dei servizi e delle prestazioni che prevede, in sintesi: un poliambulatorio specialistico, una postazione per gli screening oncologici, un centro dialisi, un laboratorio analisi per le emergenze, una radiologia dotata di sistemi di teleconsulto e telediagnosi, l'attivazione del day service, della day surgery e della chirurgia ambulatoriale, un punto di primo intervento (PPI) h24 con posti letto di Obi (Osservazione Breve Intensiva) e un centro per la sorveglianza sanitaria ed epidemiologica sulle problematiche della Valle del Sacco">. <Questo permette al nostro territorio - conclude il sindaco Bassetta - di riappropriarsi di un importane punto di erogazione sanitaria che la programmazione degli anni precedenti aveva completamente eliminato>.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento