Valle Del SaccoToday

Anagni, tutti contro il termocombustore Marangoni

Alcune associazioni hanno inviato il comunicato che riportiamo di seguito; aggiungendo che il Comune potrebbe/dovrebbe bloccare l’impianto in quanto realizzato, tra l’altro, con la procedura d’urgenza ex 22/97 consentita perché a servizio della...

marangoni protesta

Alcune associazioni hanno inviato il comunicato che riportiamo di seguito; aggiungendo che il Comune potrebbe/dovrebbe bloccare l’impianto in quanto realizzato, tra l’altro, con la procedura d’urgenza ex 22/97 consentita perché a servizio della produzione: se la produzione è cessata dovrebbe cessare tutto il resto. Ecco il comunicato:

“Il prossimo anno scadrà l’autorizzazione regionale per l’esercizio dell’inceneritore di pneumatici fuori uso realizzato dal Gruppo Marangoni presso il sito industriale di Via Anticolana ad Anagni. In vista di tale scadenza, ed anticipando le possibili iniziative della proprietà per il rinnovo dell’autorizzazione, le Associazioni ed i Comitati aderenti al Coordinamento per l’Ambiente hanno inoltrato alla Società una lettera aperta, indirizzata anche a Regione, Provincia e Comune, per chiedere chiarimenti circa le intenzioni al riguardo, e per rappresentare l’auspicio che ogni attività di termocombustione di pneumatici o di qualsivoglia altro rifiuto, come quella esercitata sino ad oggi, possa essere definitivamente dismessa. A convincere di questa necessità, da un lato la localizzazione dell’inceneritore in un’area ormai orientata al commercio ed al terziario piuttosto che all’industria, densamente abitata ed oltretutto prossima a vaste aree ancora a vocazione agricola, con produzioni di notevole qualità, come il vino e l’olio. Dall’altro lato, la constatazione che l’impianto industriale al cui servizio l’inceneritore era stato posto, è ormai fermo da anni, senza che vi siano purtroppo prospettive credibili di una sua riattivazione nel settore della produzione di pneumatici. Ed infine, la permanenza delle gravi problematiche ambientali emerse proprio in quella porzione di territorio comunale, con le ordinanze del sindaco che interdicono ogni forma di coltivazione e allevamento. Da qui la volontà di prendere posizione e sollecitare gli imprenditori industriali ed i responsabili istituzionali del nostro territorio ad orientare investimenti e progetti di sviluppo in una direzione finalmente sostenibile e compatibile con le emergenze ambientali che il territorio sconta, e che sono ancora oggi ben lontane dall’essere risolte”. Formato Il Coordinamento per l’Ambiente di Anagni e l’Associazione l’AltrAnagni. Per il coordinamento: Associazione “Anagni Viva”, Associazione Diritto alla Salute DAS, Associazione Terra Dolce, Legambiente Anagni, Comitati di quartiere Ponte del Papa, Osteria della Fontana, Vox Populi. Geronimo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Frosinone "quando nevicherà?" Cosa dicono le previsioni meteo

  • Giovane infermiera muore nel sonno, familiari e colleghi sotto choc

  • Coronavirus, la Ciociaria ed il Lazio in zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Tanta acqua e poco carburante nelle cisterne: denunciato titolare di un distributore (video)

  • Coronavirus in Ciociaria: il bollettino di giovedì 14 gennaio. Lazio ormai avviato alla zona arancione

  • Frosinone ancora una volta sotto i riflettori nazionali a livello enogastronomico: la Rai spiega il "metodo Dolcemascolo"

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento