rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Valle Del Sacco

Artena, la Fassa ricorre al Consiglio di Stato per impugnare la sentenza del Tar

La sentenza interrompeva i lavori di ampliamento. Il Comitato contro la decisione dell'azienda

La Fassa Bortolo di Artena ha impugnato al consiglio di stato la sentenza emessa dal Tar Lazio e ha chiesto contestualmente la sospensiva urgente della sentenza di primo grado. Il comitato Uniti per la Salvaguardia dell’Ambiente e della Salute si oppone all’appello e anche al rilascio della sospensiva.

“Fassa Bortolo ha chiesto al Consiglio di Stato di sospendere la sentenza del Tar che interrompeva i lavori, motivando la richiesta con il rischio di un pregiudizio grave e irreparabile alle sue casse, non tanto agli introiti quanto addirittura al potenziale incremento di fatturato. Una motivazione che troviamo inaccettabile non solo perché un danno economico è, per sua natura, sempre riparabile e quindi non in grado di

giustificare una sospensiva, ma anche perché il vero pregiudizio da escludere, quello sì irreparabile e gravissimo, attiene allo stato dei luoghi interessati, che attualmente sono terre vergini, non asfaltate, circondate da aree protette e terreni agricoli, e che subirebbero una modifica irreversibile se i lavori per lo stabilimento dovessero iniziare”. È quanto dichiara il prof. Matteo Benozzo, legale del “Comitato Uniti per la Salvaguardia dell’Ambiente e della Salute”, costituitosi lo scorso anno e che rappresenta già oltre duemila soci aderenti.

La sentenza del Tar Lazio ha prima sospeso e poi annullato in novembre l’autorizzazione all’ampliamento dello stabilimento di Fassa Bortolo ad Artena. Mentre la fabbrica ha finora lavorato “a freddo”, senza impiego di calore e innesco di reazioni chimiche, il nuovo progetto contemplerebbe l’installazione di forni e ciminiere per l’avvio della produzione “a caldo”, ovvero di lavorazioni ad altissime temperature tramite l’incenerimento di rifiuti e altri materiali.

“Ciò che Fassa srl continua a voler ignorare è che i rischi per la salute di cittadini e territorio non dipendono dalla sola accensione del futuro stabilimento, ma anche dai cantieri che la precederebbero”, prosegue Benozzo.

“Su questo progetto l’ASL di competenza non ha mai rilasciato alcun parere. Ciò non significa – come vorrebbe far credere l’azienda – che non vi siano pericoli, ma che i profili di salubrità pubblica non sono stati neanche indagati!”.

“E questo senza dimenticare – conclude il professor Benozzo – che anche le richieste di nuovi e più dettagliati report da parte di ARPA sono state completamente disattese da Fassa Bortolo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Artena, la Fassa ricorre al Consiglio di Stato per impugnare la sentenza del Tar

FrosinoneToday è in caricamento